Aziende

Chi è Claudio Costamagna, nuovo presidente della Cdp

Ex banchiere d'affari in Goldman Sachs, consigliere di amministrazione di varie società, ecco chi è l'uomo che guiderà la Cassa Depositi e Prestiti

I

Andrea Telara

-

Tra tutte le cariche ricoperte in passato da Claudio Costamagna, milanese, classe 1956, bocconiano e nuovo presidente della Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) al posto di Franco Bassanini, ce n'è una che viene ricordata sempre dai giornali: è quella all'interno della banca d'affari Goldman Sachs, colosso della finanza mondiale, dove Costamagna è rimasto per ben 18 anni, dal 1988 fino al 2006, anno precedente alla grande crisi internazionale del biennio 2007-2008.


Cassa depositi e prestiti, chi vuole la cassaforte d’Italia


In Goldman Sachs, Costamagna ha avuto indubbiamente un bel cursus honorum: entrato come responsabile dell'investment banking (le attività di banca d'investimento) per il mercato italiano, ne è uscito dopo quasi quattro lustri ricoprendo la stessa carica, estesa però all'intera area Emea: Europa, Medio Oriente e Africa. Un bel salto, insomma, soprattutto considerando che nessun manager di nazionalità non americana ha mai avuto prima un incarico così prestigioso in Goldman Sachs.


Cdp: tutti cercano Bassanini ma i soldi non li ha


Sarebbe però riduttivo descrivere la carriera di Costamagna parlando soltanto del suo lavoro all'interno della banca d'affari statunitense . A ben guardare, le poltrone occupate in passato dal neo- presidente della Cdp sono parecchie e non bastano certo le dita di una mano per contarle tutte. Già consigliere di amministrazione di Autogrill, Bulgari, il Sole24Ore, DeaCapital, Reuters Breakingviews e Virgin Group , il nuovo numero uno della Cassa Depositi e Prestiti è attualmente il presidente del gruppo di costruzioni Salini Impregilo, dove è entrato nel 2012 con il gradimento dell'azionista di maggioranza, Pietro Salini. Pure nel settore farmaceutico, il nome di Costamagna è ben conosciuto visto che ricopre la presidenza di AAA – Advanced Accelerator Applications, gruppo specializzato nella medicina nucleare.



Goldman Sachs, i segreti in un libro


Un po' meno degna di nota è invece la sua esperienza come fondatore di AdviseOnly, società nata nel 2011 per lanciare un innovativo servizio di consulenza finanziaria indipendente su internet: un progetto poi velocemente ridimensionato negli anni successivi, per mancanza di “numeri” che lo rendessero sostenibile. Anche le carriere più brillanti, insomma, non possono essere sempre costellate di successi. L'importante è andare a segno nel momento giusto, come si fa nello sport preferito da Costamagna: la scherma, di cui l'attuale presidente della Cdp è stato addirittura campione italiano nel lontano 1977.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

E se al posto di Sawiris in Telecom arrivasse Cdp?

L’imprenditore egiziano Naguib Sawiris bussa alla porta dell’ex monopolista. Una bella notizia, perché dimostra l’interesse per l’Italia dei capitali esteri. Ma non sono in molti a credere che l’operazione andrà in porto. Mentre si fa strada l’ipotesi di un ingresso nella Telecom della Cassa depositi e prestiti.

Telecom Italia, il Governo e la Cdp: come adottare un bambino senza genitori capaci

Ecco perché c'è bisogno di un intervento dello Stato per mettere al sicuro i servizi della rete

Debiti Pa, con la Cdp risparmi postali comunque al sicuro

L’ente guidato da Bassanini non servirebbe a pagare direttamente le imprese, ma solo a garantire i crediti

Cdp: tutti cercano Bassanini ma i soldi non li ha

Renzi è stato l’ultimo a evocare l’intervento della Cdp per sbloccare i debiti dello Stato ma il patrimonio della Cassa non basta

Cassa depositi e prestiti, chi vuole la cassaforte d’Italia

Politici, banche e Tesoro sono impegnati in una partita sotterranea per mettere le mani sulla Cassa depositi e prestiti. Ma Saccomanni gioca d’anticipo

Commenti