Aziende

Alitalia, chi sono i commissari e perché sono stati scelti

Il governo punta su Luigi Gubitosi, ex direttore generale Rai, Enrico Laghi, già commissario Ilva, e Stefano Paleari, docente universitario

Luigi_Gubitosi_Alitalia

Giuseppe Cordasco

-

Il governo ha dato il via all’operazione di salvataggio dell’Alitalia, approvando lo stanziamento di un prestito ponte di 600 milioni di euro e nominando i tre commissari che dovranno gestire questa difficilissima fase di transizione. Si tratta di Luigi Gubitosi, manager di lungo corso che ha anche all’attivo tre anni da direttore generale della Rai, Enrico Laghi, commercialista romano che tra l’altro è stato anche commissario dell’Ilva, e il professor Stefano Paleari, ingegnere e docente universitario che porterà in Alitalia la sua lunga esperienza in campo accademico.

LEGGI ANCHE: Alitalia commissariata, come siamo arrivati fino a qui

LEGGI ANCHE: Alitalia, il prestito ponte: come funziona

LEGGI ANCHE: Alitalia, verso il nuovo piano industriale

Perché sono stati scelti
Il governo nella sua scelta ha deciso di puntare innanzitutto su due professionisti di lungo corso come Gubitosi e Laghi, che negli anni hanno acquisito non solo esperienze professionali in diversi consigli di amministrazione, ma si sono creati anche una fitta rete di contatti che potrà tornare utile quando si tratterà di affrontare la drammatica situazione finanziaria di Alitalia. Il ruolo di Paleari invece appare più di carattere tecnico, non a caso stiamo parlando di un professore che si è laureato con lode in ingegneria nucleare, che è stato per anni ricercatore di ingegneria gestionale all’Università di Bergamo e che viene considerato un vero e proprio esperto di trasporto aereo.

LEGGI ANCHE: Alitalia, cosa succede ai punti Millemiglia

Le funzioni dei commissari
I ruoli che i tre commissari chiamati a guidare Alitalia dovranno ricoprire sono stati ben specificati dal governo. In particolare, Luigi Gubitosi si occuperà della gestione dell'azienda, Enrico Laghi si dedicherà ai rapporti con il governo e agli aspetti legali, mentre Stefano Paleari, indicato dal ministero dei Trasporti in qualità di tecnico, metterà a disposizione di Alitalia le sue comprovate conoscenze del mondo dei trasporti aerei.

Quale sarà il loro mandato
Il compito che attende i tre commissari sarà particolarmente gravoso. Innanzitutto dovranno riuscire a trovare un possibile acquirente per Alitalia. L’unica speranza di salvare la società infatti, al netto del prestito ponte di 600 milioni che permetterà di tenere in piedi i conti ancora per qualche mese, è quello di scovare una qualsiasi altra compagnia che decida di investire su di essa. Facendo questo però, i tre commissari dovranno evitare anche che la nostra ex compagnia di bandiera si trasformi in un vettore di carattere locale o in una compagnia low cost. L’obiettivo infatti è che Alitalia conservi comunque il suo prospetto di vettore di livello internazionale.

Chi è Luigi Gubitosi
Entrando più nello specifico del curriculum dei tre commissari, cominciamo con il dire che Luigi Gubitosi è un manager napoletano di 56 anni, che ha iniziato la sua carriera in Fiat, dove dal 1986 al 2005 ha ricoperto diversi incarichi. Con l’arrivo di Marchionne, Gubitosi lascia il Lingotto per iniziare un'avventura nel settore delle tlc, entrando in Wind, prima come Chief financial officer, e poi dal 2007 al 2011 come amministratore delegato. Dal luglio 2012 all'agosto 2015, è stato poi per tre anni direttore generale della Rai, prima di lasciare il posto ad Antonio Campo Dall'Orto.

Chi è Enrico Laghi
Stiamo parlando di un vero e proprio professionista dei consigli di amministrazione. Ne ha fatto parte di decine nel tempo, da Telecom a Pirelli, da Seat Pagine Gialle al Gruppo Espresso, da Finmeccanica a Tirrenia, da Finnat alla Rai fino al Coni. Ultimamente poi è stato anche commissario dell’Ilva. Di professione commercialista, è professore di economia aziendale alla Sapienza di Roma e insegna alla scuola di Polizia tributaria della Guardia di finanza. Per lui Alitalia in realtà non è una novità assoluta: a suo tempo infatti è già stato consigliere di amministrazione di Cai, la cordata di capitani coraggiosi voluta da Silvio Berlusconi nel 2008 per salvare l’ex compagnia di bandiera.

Chi è Stefano Paleari
Nato a Milano nel 1965, come già accennato, Paleari, ingegnere nucleare, è un docente universitario. Dal 2009 al 2015 è stato anche rettore dell’Università di Bergamo e dal 2013 al 2015 ha guidato la Conferenza dei rettori italiani. Come detto si tratta di un tecnico del settore dei trasporti aerei, e in questo senso è fondamentale ricordare che dal 2006 è direttore scientifico dell'Iccsai (International center for competitiveness studies in the aviation industry).

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Alitalia, quanti errori con il referendum

La responsabilità della crisi scaricata sui lavoratori e l'incapacità di capire che il mercato è cambiato e che la nazionalizzazione non ci sarà

Alitalia: le conseguenze del No al referendum

Il cda ha chiesto la procedura di commissariamento al Ministero dello Sviluppo Economico. Tre le strade: vendita, nuovi azionisti o fallimento

Alitalia, ecco perché il futuro è sempre più incerto

Il ministro Calenda attacca i vertici della compagnia, parlando di cattiva gestione, mentre il nuovo piano industriale ancora non c’è

Il futuro di Alitalia visto dai social network

Lavoratori e semplici cittadini hanno scelto la Rete per prendere posizione dopo il No dei lavoratori al piano di salvataggio

Alitalia rinnova il programma Millemiglia: 5 novità

Tutti i posti a bordo saranno acquistabili con i punti. Abolito anche il pagamento cash per tasse e servizi

Alitalia: tutte le divise storiche dagli anni '50 ad oggi

Dalle sorelle Fontana a Edoardo Bilotta ecco tutti gli stilisti che hanno creato la "moda Alitalia"

Commenti