Auto che si guidano da sole: ecco come cambierà il nostro mondo

Un nuovo saggio evidenzia le variabili della sfida fra le case automobilistiche e Silicon Valley

Guida autonoma

Guida autonoma - 14 settembre 2018 – Credits: iStock - Olivier Le Moal

Stefania Medetti

-

Le auto a guida autonoma promettono di essere il cambiamento più dirompente del nostro stile di vita dall’avvento degli smartphone. Lo sostiene nel suo nuovo libro Lawrence D. Burns, già vice presidente ricerca, sviluppo e pianificazione presso General Motors e, dal 2011, consigliere di Waymo, il progetto di auto a guida autonoma di Google. Nel saggio, intitolato “Autonomy - The quest to build the driverless car and how it will reshape our world” (Autonomia - La sfida per la costruzione di un’auto senza conducente e come ridisegnerà il nostro mondo) l’esperto ripercorre le tappe della corsa per realizzare l'auto che si guida da sola che - prevede - potrebbe raggiungere i mercati nei prossimi dieci anni.

Chi avrà successo per primo

Secondo l’autore, infatti, non è una questione di “se” l'auto a guida autonoma arriverà, ma si tratta solo di scoprire quando e grazie a chi, come riporta ForbesIl saggio, inoltre, evidenzia il ruolo delle aziende della new economy, come Uber o Airbnb che hanno dimostrato come i giovani siano sempre meno interessati al possesso a vantaggio della condivisione, siano case vacanza, musica o anche auto. 

Due approcci diversi

Burns fa notare anche come l'industria automobilistica tradizionale non sia radicata nell'economia digitale. Per imprenditori come Larry Page, Sergey Brin, Elon Musk e Travis Kalanick, l’economia digitale è una seconda natura e il trasporto non è considerato come un mezzo, ma come un’esperienza. L'industria automobilistica, invece, è guidata da persone che sono interessate a creare nuovi modelli di auto che vengono scelti per il loro design e acquistati in modo tradizionale presso le catene di concessionari, fa notare ancora Forbes.

Attenzione ai numeri

Poi, c’è la variabile economica. Mentre la capitalizzazione di colossi dell’automotive come General Motors, Ford e FCA varia da trenta a sessanta miliardi di dollari, Morgan Stanley prevede una valutazione di 175 miliardi di dollari per Waymo. Le aziende automobilistiche tradizionali, infatti, cercano di tenere il passo, ma il management deve fare i conti anche con la quantità di risorse necessarie per mantenere redditizia l’azienda. Il rischio, dunque, è investire per sostenere l’attività convenzionale e trovarsi con meno disponibilità per la ricerca e sviluppo per le auto a guida autonoma.

Le conseguenze per il nostro mondo

Burns guarda anche al futuro e spiega come l’avvento di questa nuova tecnologia ridurrà le emissioni di gas serra, eliminerà il 90% delle vittime della strada e automatizzerà l’industria del trasporto. L’impatto sui posti di lavoro sarà significativo, soprattutto nell’industria automobilistica, poiché le auto senza conducente potrebbero avere un decimo dei pezzi di quelle contemporanee. Anche le persone che lavorano nel settore del petrolio e del gas saranno toccate da questi cambiamenti, perché servirà solo il 20% della benzina che usiamo oggi. Per i consumatori che approfitteranno di questi nuovi mezzi di trasporto, invece, ci saranno importanti ritorni economici e risparmi di tempo.

Per saperne di più

- Là dove nascono i progetti con cui Google vorrebbe cambiare il mondo 

- Google contro Uber: le cose da sapere sul processo tech dell’anno


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Auto che si guida sola, il futuro vive in un fumetto

Scuderia Ferrari immagina in una serie di webcomics la sua visione delle corse di domani senza pilota

Noleggio auto a breve, perché in Italia è un successo

Secondo gli ultimi dati disponibili, nel 2017 il giro d’affari è cresciuto più del 3%. E nel primo trimestre 2018 il trend è sempre in aumento

Commenti