Libri

È morto Eduardo Galeano, lo scrittore delle "vene aperte dell'America"

Oltre al suo capolavoro sullo sfruttamento del continente latinoamericano, scrisse un saggio fondamentale sul calcio, una delle sue grandi passioni

eduardo-galeano-con-jose-Mujica

Lo scrittore e giornalista uruguaiano, Eduardo Galeano, è morto oggi a Montevideo. Aveva 74 anni.

Nato nel settembre del 1940, autore di numerosi romanzi e saggi, era ricoverato da alcuni giorni in un ospedale della capitale uruguaiana, nella fase terminale di un cancro ai polmoni contro il quale lottava dal 2007.

Galeano era universalmente noto soprattutto per Le vene aperte dell'America Latina (Sperling & Kupfer) del 1971, bestseller internazionale e opera politica di riferimento sullo sfruttamento coloniale e post-coloniale del subcontinente sudamericano. Il libro rappresenta un lungo reportage che attraversa cinque secoli di storia per raccontare il saccheggio delle preziose risorse del continente: dall'oro al cacao, dal cotone al petrolio. 

Grande appassionato di calcio, Galeano ha seguito il suo sport preferito con uno sguardo ampio e critico, che condensò in un altro dei suoi libri capolavoro, Splendori e miserie del gioco del calcio (Sperling & Kupfer), il cui sottotitolo è assai esplicito dello stile e delle idee di Galeano in tema: "Dai Mondiali del '30 a Maradona e Ronaldo: la storia del pallone come fabbrica di miti e industria del consenso politico".

Galeano aveva iniziato la sua carriera come direttore di Marcha, settimanale a cui collaborava, fra gli altri, anche Mario Vargas Llosa. Con il golpe militare del 1973, fu imprigionato e, successivamente, costretto a espatriare in Argentina. Il suo nome fini' poi nel mirino del regime di Videla, costringendolo a fuggire in Spagna, dove scrisse la famosa "Memoria del Fuoco".

Secondo l'agenzia EFE Galeano stava lavorando a un testo inedito che desiderava pubblicare dopo la morte. Sarà l'editore Siglo XXI a curare questa pubblicazione che avverrà in maggio, contemporaneamente in Spagna, Messico e Argentina.

Per questo giovedì era inoltre prevista in Spagna la presentazione di Mujeres, un'antologia dei migliori scritti di Galeano sulle donne, contenente saggi su personalità come Rosa Luxembourg, Giovanna d'Arco, Rigoberta Menchù, Marilyn Monroe, Santa Teresa d'Avila.

La produzione narrativa di Galeano è stata influenzata, secondo i critici letterari, da William Faulkner e John Dos Passos, ma anche Vasco Pratolini e Pierpaolo Pasolini, Federico Garcia Lorca, Miguel Hernández, Antonio Machado, Luis Cernuda.

© Riproduzione Riservata

Commenti