"L’amore che ho cercato" di Cristiano Armati: perché leggerlo?

Davanti a desideri illimitati, la quotidianità può soffocare. Ecco la coinvolgente storia di un uomo e due donne, tra l’Africa e l’Italia, tra ‘normalità’ e vita

amore-che-ho-cercato-cristiano-armati

Un particolare della copertina de L'amore che ho cercato, l'ultimo romanzo di Cristiano Armati – Credits: Giulio Perrone Editore

Andrea Bressa

-

Spesso la scrittura è il sintomo di un bisogno: quello di mettere in parole il dubbio. E in L’amore che ho cercato , il nuovo romanzo di Cristiano Armati (Giulio Perrone Editore), il protagonista ha un dilemma profondo da sbrogliare. Cappa, questo il suo nome, riflette sull’illimitatezza dei desideri e delle possibilità e sul richiamo dell’esistenza quotidiana, quella della “normalità”. Questi due poli nel romanzo hanno le fattezze di Fatou, stupenda ragazza di Bamako, nel Mali, conosciuta in un viaggio in Africa, e di Sofia, la sua compagna a Roma, dalla quale aspetta una bambina.

Africa ed Europa, Bamako e Roma, Fatou e Sofia, desiderio e realtà, piacere e dovere: sono questi i termini di paragone della riflessione di Cappa, sempre più stretto in una quotidianità a cui sente di non appartenere e smanioso di rivivere quel qualcosa d’altro che gli ha aperto gli occhi sulle migliaia di opportunità esistenti.

Ma Cappa sa anche che non è così semplice risolvere la questione. La difficoltà sta, citando Antonio Tabucchi, nel fatto che “potremmo essere tante cose, ma la vita è una sola e ci obbliga a essere solo una cosa, quella che gli altri pensano che noi siamo”. Così Cappa prova con un doloroso cinismo ad affrontare i suoi mostri, i suoi desideri e le aspettative attorno. Si condivide il dramma di Cappa: talvolta lo si biasima, altre lo si vorrebbe abbracciare. Disperazione e speranza si danno il cambio di pagina in pagina, in una narrazione contrassegnata da continui passaggi temporali e spaziali tra Roma e Bamako, tra il presente e il passato (possibile futuro).

Cristiano Armati ha nel curriculum titoli come Roma criminale (con Yari Selvetella) e Roma noir (editi da Newton Compton) o il romanzo Rospi acidi e baci con la lingua (Coniglio Editore). Sempre per Perrone invece ha sfornato il pamphlet Cose che gli aspiranti scrittori farebbero meglio a non fare ma che invece fanno .

Perché leggere L’amore che ho cercato? Perché l’autore non solo è capace di osservare alcuni aspetti tra i più profondi della mente e dell’animo dell’uomo, ma sa tradurli con una scrittura impetuosa e brillante, parlando anche attraverso le parole di altri autori (numerose le citazioni), da Guy de Maupassant a Salvatore Quasimodo, da Charles Bukowski a Ryszard Kapuscinski.

Nella storia di Cappa e del suo amore cercato, forse, si può anche trovare una sorta di attacco alla civiltà occidentale, sempre più fredda, cinica, impersonale.

--------------------

- L’amore che ho cercato – Cristiano Armati (Giulio Perrone Editore)
- Roma criminale – Cristiano Armati, Yari Selvetella (Newton Compton)
- Roma noir – Cristiano Armati (Newton Compton)
- Rospi acidi e baci con la lingua – Cristiano Armati (Coniglio Editore)
- Cose che gli aspiranti scrittori farebbero meglio a non fare ma che invece fanno – Cristiano Armati (Giulio Perrone Editore)

© Riproduzione Riservata

Commenti