Charles Bukowski: 3 libri a vent’anni dalla morte

Tre consigli di lettura come omaggio all’indimenticato, grande autore americano, scomparso il 9 marzo ‘94 e in continua riscoperta

il-sole-bacia-i-belli-bukowski

Un particolare della copertina di Il sole bacia i belli – Credits: Feltrinelli

Andrea Bressa

-

9 marzo 1994. Charles Bukowski si spegneva a San Pedro a causa di una leucemia fulminante. Sono passati vent’anni e il vate dei bassifondi, del lato più amaro della vita, non ha mai smesso di appassionare, divertire e commuovere i milioni di lettori che lo hanno conosciuto attraverso le sue opere.

Con i suoi sei romanzi capolavoro (l’ultimo dei quali, Pulp , finito di scrivere proprio pochissimo tempo prima di morire), assieme alle raccolte di racconti e poesie che ci ha lasciato, Bukowski ha profondamente segnato il percorso della letteratura degli ultimi trent’anni.

Nonostante il cinismo, il fatalismo e il suo carattere solitario e schivo, lo scrittore americano ha come pochi altri saputo cogliere l’essenza della società moderna occidentale. Il suo sguardo lucido non smette mai di sorprendere, perché capace di descrivere abilmente le follie, le contraddizioni, i vuoti dell’uomo, con una voce che restituisce con efficacia sia notevoli picchi lirici che affondi nell’anima più marcia.

In occasione del ventennale della morte di Charles Bukowski abbiamo selezionato tre opere tra le più recenti, due sue e un omaggio in formato fumetto.

Una torrida giornata d’agosto (Guanda)
Si tratta dell’ultima arrivata tra le pubblicazioni dedicate al vecchio Hank. È una raccolta di poesie costruite per sottrazione, dove l’autore prova a racchiudere in ermetici versi il mondo degli emarginati d’America, dei bar, delle scommesse all’ippodromo: l’universo bukowskiano, amaro e disincantato, che ha influenzato generazioni di lettori.

Il sole bacia i belli (Feltrinelli)
Una curiosa ricostruzione della vita dello scrittore attraverso una raccolta di interviste rilasciate lungo tutta la sua carriera, dalla prima fatta al Times Literary di Chicago nel 1963, all’ultima del 1993, sette mesi prima della sua morte.

Goodbye Bukowski – Flavio Montelli (Coconino Press)
Il lato più nascosto dell’autore americano, quello affettuoso e vulnerabile, del rapporto con le compagne e la figlia, per la quale provava un grande affetto: questo il tema proposto dalla biografia a fumetti firmata da Flavio Montelli.

--------------------

- Una torrida giornata d’agosto (Guanda)
- Il sole bacia i belli (Feltrinelli)
- Goodbye Bukowski – Flavio Montelli (Coconino Press)

© Riproduzione Riservata

Commenti