Rita Fenini

-

Artista concettuale italiano che ha saputo trasformare la parola in immagini iconiche e l’immagine in poesia, di Vincenzo Agnetti la mostra a Palazzo Reale espone più di cento opere (realizzate tra il 1967 e il 1981) che nel loro insieme restituiscono un’immagine chiara del percorso dell’artista: la sua tensione poetica e visionaria, lo spiccato interesse per l’analisi dei processi creativi e per l’arte come statuto, il suo ruolo di investigatore linguistico e di sovvertitore dei meccanismi del potere, inclusi quelli della parola scritta, detta, tradotta in immagini limpide ed evocative, perché per Agnetti tutto è linguaggio

Le date

La mostra sarà visitabile dal 4 luglio al 24 settembre 2017 con i seguenti orari: Lunedì dalle 14.30 alle 19.30 /martedì, mercoledì, venerdì e domenica dalle 9.30 alle 19.30 /giovedì e sabato dalle 9.30 alle 22.30 - L'ingresso è gratuito

Dove

Ad ospitare l'esposizione"AGNETTI. A cent’anni da adesso", la prestigiosa sede di Palazzo Reale di Milano - Piazza Duomo, 12 -

Perché è interessante

La parabola artistica di Agnetti è stata breve (muore nel 1981, a soli 54 anni) ma così intensa e tumultuosa da rendere difficile tenerne le tracce in maniera compiuta. Per questo, forse, è in realtà ancora poco conosciuto e quindi da riscoprire nella sua poliedrica complessità. La mostra "AGNETTI. A cent’anni da adesso" va in questa direzione e ripercorre il sentiero mentale dell'artista non sempre affidandosi alla cronologia, ma privilegiando il filo logico del discorso artistico che impone associazioni e salti tra periodi diversi, per condurre il visitatore tra le pieghe del processo creativo.

Tra le opere in mostra, trovano posto anche molti dei suoi lavori più significativi fatti utilizzando la fotografia: alcuni più noti come "l’Autotelefonata", altri meno noti quali "Architettura tradotta per tutti i popoli" e altri quasi mai visti come "Riserva di caccia".

Chi è Vincenzo Agnetti

Nato a Milano nel 1926, Vincenzo Agnetti può essere considerato il maggior esponente italiano dell’arte concettuale, che ha contraddistinto almeno un decennio di cultura visiva internazionale.

Dopo una brevissima stagione pittorica di segno informale, nel 1960 Agnetti dà avvio ad un’intensa attività di scrittore e teorico militante nell’arte contemporanea e poi, alla fine del decennio, prosegue la propria riflessione teorica sull’arte, la sua funzione e i suoi linguaggi, spostando però l’attenzione sulla produzione artistica vera e propria. Le opere di Agnetti sono proposizioni di ordine mentale. Si tratta spesso di un’autoanalisi giocata sul confronto fra l’immagine e la parola, che mira ad una verifica del funzionamento dei linguaggi, quello visivo e quello verbale.

Purtroppo, la morte prematura ha impedito ad Agnetti di maturare la sua poetica, che negli ultimi anni di vita stava tornando a pratiche manuali, mutuate però dal linguaggio fotografico.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Giancarlo Vitali in mostra a Palazzo Reale

Dal 5 luglio al 24 settembre 2017, un progetto espositivo in più sedi che ha il suo cuore a Milano, con la prima antologica dell'artista contemporaneo

La Rinascente:100 anni in mostra a Milano

Fino al 24 settembre 2017, una grande mostra a Palazzo Reale celebra i 100 anni del grande magazzino milanese

Pietrasanta: in mostra la scultura

Dal 18 giugno al 14 luglio 2017, collettiva di Peter Simon Mühlhäußer, Alex Rane, Bruno Walpoth e Jiannan Wu

Gianfranco Meggiato - Il Giardino delle Muse silenti

Dal 10 giugno al 1° ottobre 2017, gli spazi espositivi di Catanzaro ospitano il progetto "site specific" dello scultore veneziano

Commenti