Un percorso eterogeneo di oltre 200 opere tra dipinti, fotografie, sculture, oggetti e istallazioni multimediali sul tema della follia. Un "viaggio" che inizia  sul lungolago con 9 installazioni
interattive e continua all’ interno del MuSa, dove i visitatori potranno immergersi in un’ atmosfera suggestiva, lasciandosi guidare dall' emozione, lunica vera guida a questa mostra.

Da Francisco Goya a Francis Bacon, da Adolfo Wildt a Jean-Michel Basquiat passando per Silvestro Lega, Michele Cammarano, Telemaco Signorini e Antonio Ligabue, tanti gli autori e tante le opere che si avrà modo di incontrare in questo percorso, pensato per chi ha voglia di lasciare da parte la ragione per ritrovare, finalmente, la follia

“Un repertorio, senza proclami, senza manifesti, senza denunce. Uomini e donne come noi,sfortunati, umiliati, isolati. E ancora vivi nella incredula disperazione dei loro sguardi. Condannatisenza colpa, incriminati senza reati per il solo destino di essere diversi, cioè individui. Nella storiadell'arte, anche prima dei casi clamorosi di Van Gogh e di Ligabue, molti sono gli artisti la cuimente è attraversata dal turbamento, che si esprimono in una lingua visionaria e allucinata. Ognuno di loro ha una storia, una dimensione che non si misura con la realtà, ma con il sogno” dichiara il curatore della mostra Vittorio Sgarbi.

Museo della Follia. Da Goya a Bacon
11 marzo - 16 novembre2017
MUSA-Museo di Salò
Via Brunati, 9

ORARI di APERTURA

MARZO APRILE E MAGGIO da martedì a domenica 10.00 – 19.00
GIUGNO LUGLIO AGOSTO E SETTEMBRE da martedì a domenica 10.00 – 20.00
OTTOBRE NOVEMBRE da martedì a domenica 10.00 – 19.00

La biglietteria chiude un’ora prima (ultimo ingresso)

Il "Museo della Follia itinerante" è un progetto a cura di Vittorio Sgarbi.

Autori: Cesare Inzerillo, Sara Pallavicini, Giovanni C. Lettini, Stefano Morelli.



© Riproduzione Riservata

Commenti