Redazione

-

La compagnia del Globe Theatre  di Londra ha messo in scena ieri l'Amleto di Shakespeare per i migranti che vivono nella cosiddetta The Jungle, la "giungla" di Calais, in Francia. All'interno del campo rifugiati allestito nella città ubicata sulla costa dell'Oceano Atlantico, affacciata sul canale della Manica, si affollano migliaia di persone in attesa di trovare il modo per raggiungere la Gran Bretagna, e attendono il futuro in questo limbo, in condizioni di vita molto critiche. 

Nei mesi, il campo è diventato un vero e proprio villaggio, che da ottobre ha anche un "teatro-tenda", chiamato Good Chance, sulle assi del cui palcoscenico ha ripreso vita ieri la tragedia shakesperiana.

La compagnia dello storico teatro londinese è impegnata nel tour Globe to Globe, che la porterà a mettere in scena l'Amleto in tutti i Paesi del mondo nel giro di due anni. Da quando l'impresa è iniziata nel 2014, nel 450° anniversario della nascita del Bardo - convenzionalmente il 23 aprile 1564 - lo spettacolo è andato in scena in 166 Paesi. Si concluderà là dove è iniziata, a casa, nel Globe Theatre, nel 400° anniversario della morte del grande drammaturgo, il 23 aprile 2016. 


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Banksy a Londra: un nuovo murale contro l'uso della forza sui migranti a Calais

Davanti all'ambasciata di Francia a Londra. Comprende anche un video/Qr code: la polizia che attacca l'accampamento con gas lacrimogeni

Immigrazione: a Calais va in scena l'ipocrisia europea

La frontiera del migranti si è spostata a nord. Ora Parigi e Londra parlano di un "problema di tutti". Ma fino a ieri facevano orecchie da mercante

Immigrazione, sono due i morti a Calais. Le foto

Continuano i tentativi disperati dei migranti di attraversare l'Eurtunnel per raggiungere la Gran Bretagna

Commenti