Cinema

Woody Harrelson e Lost in London, il suo film in diretta

Un esperimento unico nel suo genere. L'attore ha realizzato un lungometraggio girato per le strade di Londra e proiettato in diretta via satellite

Woody Harrelson

Simona Santoni

-

Recentemente abbiamo assistito al cinema, comodamente seduti in poltroncine italiane, a diverse dirette via satellite di opere o balletti dalla Royal Opera House di Londra. Ma mai avevamo visto un film, girato e proiettato in presa diretta. Questa "follia" è diventata realtà grazie a Woody Harrelson, l'attore ex tributo e mentore di Jennifer Lawrence nella saga Hunger Games.

Faccia nota, nome meno conosciuto, Harrelson è emerso negli anni Ottanta con la serie tv Cin Cin. Al cinema è stato anche il marito di Demi Moore in Proposta indecente e il serial killer di Assassini nati.

Nel 2002 ha vissuto una notte un po' turbolenta a Londra: dopo aver trascorso una serata a Soho, ha litigato con un tassista, con conseguente inseguimento da parte della polizia e notte trascorsa in cella. Questa sua esperienza è diventata film, Lost in London, girato ieri nelle strade di Londra e proiettato in diretta via satelitte in 550 sale cinematografiche statunitensi e al Picturehouse Central di Londra. È il primo film che viene realizzato e proiettato in comtemporanea. Essendo una ripresa unica, senza tagli, la riuscita di Lost in London era sul filo del fallimento, con il pubblico proprio per questo più coinvolto e attento. Alla fine tutto ha funzionato come pianificato. "È andato tutto bene, senza difetti orrendi", ha scritto il Telegraph. "È un lavoro autoironico di gran lunga migliore di quello che avevamo il diritto di aspettarci", scrive Evening Standard. "Non è un grande film ma Woody Harrelson ha tirato fuori qualcosa di fresco da quella che era solo un'idea sciocca".

Lost in London dura 100 minuti, annovera anche scene di inseguimento a piedi e in auto e ha chiari intenti comici, con battute sul narcisismo delle celebrità. Per Harrelson, che del film è anche produttore e attore, si tratta della prima regia. Nel cast anche Owen Wilson, Willie Nelson, Eleanor Matsuura, Martin McCann.

Lost in London si ispira al film tedesco Victoria di Sebastian Schipper del 2015, che è un lunghissimo e unico piano-sequenza ambientato in una notte a Berlino. 

Ecco il trailer di Lost in London:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

I film più belli del 2016 secondo il New Yorker

In vetta la commedia indie "Little Sister". Sul podio "Sully" di Clint Eastwood. A sorpresa in classifica anche "Mia madre" di Nanni Moretti

I film più belli del 2016

Al primo posto un'opera solida e rigorosa. Che trova nella sua verità la forza per centrare i cuori. E al secondo posto una perla italiana

Commenti