Cinema

Torino Film Festival 2016, i film più attesi

Dal 18 al 26 novembre nel capoluogo piemontese 158 opere. Dal lungometraggio fiume di Lav Diaz al debutto di Andrea De Sica

torino_betweenus_02

Simona Santoni

-

Nove giorni di proiezioni, dal 18 al 26 novembre, con 158 film, di cui 43 anteprime mondiali, 15 film in concorso scelti tra 4.000 (l'anno scorso ne arrivarono 3.000). Madrina Jasmine Trinca, guest director Gabriele Salvatores con i suoi 5 film più amati, un omaggio a David Bowie e alla cultura punk che quest'anno compie 40 anni. Questo il biglietto da visita del Torino Film Festival (TFF), alla sua 34^ volta. "Sarà un'edizione ricchissima, capace di registrare sempre più attenzione dal mondo. Un grande festival di cinema indipendente", promette la direttrice artistica Emanuela Martini.

L'apertura, all'Auditorium Agnelli del Lingotto, spetta a Between us di Rafael Palacio Illingworth, commedia drammatica sulle vicende di una giovane coppia di trentenni di Los Angeles entrambi in carriera. In concorso un solo film italiano, I figli della notte di Andrea De Sica, nipote di Vittorio.

Nella giostra di proiezioni ed eventi, ecco dieci film che non vorremmo perdere.

 

1) Free State of Jones di Gary Ross

Matthew McConaughey interpreta Newt Knight, il contadino del Sud degli States che durante la guerra civile americana si ribellò all’esercito confederato. Con l’aiuto di un gruppo di agricoltori e schiavi, guidò una rivolta che portò la Contea di Jones a separarsi dagli Stati della Confederazione. Storia vera, dal regista di SeabiscuitHunger Games (arriverà al cinema il 1° dicembre). 
Sezione: Festa Mobile.

2) Christine di Antonio Campos

La storia vera di Christine Chubbuck, la giornalista suicidatasi in diretta tv nel luglio del '74, schiacciata dalla svolta sensazionalistica dei media e dal conflitto fra immagine pubblica e intima disperazione. Ispirò Quinto potere di Lumet. Ritratto intimo e psicologico di donna, interpretata da Rebecca Hall. Anche un altro film di Torino, Kate plays Christine di Robert Greene, indaga questo dramma, tra documentario e ricostruzione.
Sezione: Torino 34.

3) I figli della notte di Andrea De Sica

In un collegio per rampolli di ricche famiglie inerpicato sulle montagne si respira l'odore di soffusa repressione. Favola nera in cui, il diciassettene Giulio (Vincenzo Crea) fa amicizia con il bislacco Edoardo (Ludovico Succio), tra frequenti fughe notturne alla ricerca della libertà. Opera prima del nipote di Vittorio De Sica.
Sezione: Torino 34. 

4) Wir sind die Flut (We are the tide) di Sebastian Hilger  

In un paese costiero la marea si è ritirata quindici anni fa, senza motivo. Quel giorno sono misteriosamente scomparsi tutti i bambini del villaggio, cancellando il futuro dell’intera comunità. A studiare le maree e a risvegliare il passato arrivano due giovani scienziati. Mystery metafisico tedesco, ambientato nella costa baltica.
Sezione: Torino 34. 

5) Free Fire di Ben Wheatley  

Boston, 1978: dodici uomini e una donna s'incontrano di notte in una fabbrica dismessa. Da una parte una delegazione dell'IRA, dall'altra dei trafficanti di armi. Una scintilla scatena l'inferno, in una sparatoria senza fine, tra battute fulminanti. Tra i gunfighters: Brie Larson, Cillian Murphy, Arnie Hammer
Sezione: Festa Mobile.

6) Hele Sa Hiwagang Hapis (A Lullaby to the sorrowful mystery) di Lav Diaz  

La storia di Andrés Bonifacio y de Castro, personaggio mitico della rivoluzione filippina contro il colonialismo spagnolo (1896-1897), e di sua moglie, che lo cerca nella giungla mentre le rivolte vengono represse nel sangue. Dal vincitore del Leone d'oro di Venezia, otto ore di film, in bianco e nero. Belle imprese da cinefilo di festival. 
Sezione: Festa Mobile.

7) L'avenir (Things to come) di Mia Hansen-Løve  

Dalla regista francee di Il padre dei miei figliUn amore di gioventù, ritratto di una donna costretta imprevedibilmente a cambiare vita. Quando la madre muore, e suo marito la lascia confessandole anni di tradimento, una professoressa di filosofia si rifugia in montagna con un ex studente dalle tendenze radicali (e la gatta Pandora). Con Isabelle Huppert.
Sezione: Festa Mobile.

8) Hymyilevä mies (The Happiest Day in the Life of Olli Mäki) di Juho Kuosmanen

Da una storia vera, il film vincitore del Certain Regard a Cannes e candidato finlandese agli Oscar. Spinto da un manager ambizioso, il peso piuma finlandese Olli Mäki (Jarkko Lahti) ha la sua chance per il titolo mondiale quando il campione americano Davey Moore accetta di sfidarlo a Helsinki. Ma a Olli, semplice ragazzo di provincia, interessano poco i riflettori. 
Sezione: Festa Mobile.

9) Absolutely Fabulous: The Movie di Mandie Fletcher

Mentre cercano di rilanciare la loro carriera nello spietato mondo della moda, le svitate Edina (Jennifer Saunders) e Patsy (Joanna Lumley) si macchiano del crimine massimo: spingono per errore Kate Moss nel Tamigi e la supermodella non riemerge. Adattamento per il cinema dell'omonima sitcom Bbc. Nel cast, oltre alla stessa Moss, star del mondo della moda come Lara Stone, Daisy Lowe, Alexa Chung, Stella McCartney.
Sezione: Festa Mobile.

10) Maquinaria Panamericana di Joaquín del Paso

Opera prima made in Messico. In una fabbrica di automobili la vita di impiegati, operai, dirigenti scorre in un clima di informale affetto. Ma quando il padrone muore, il panico si diffonde e i lavoratori decidono di chiudersi nell'azienda per resistere alla crisi attraverso una reclusione consapevole. Tra toni grotteschi e satirici.
Sezione: Torino 34. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

I film più belli del 2016

Al primo posto un'opera solida e rigorosa. Che trova nella sua verità la forza per centrare i cuori. E al secondo posto una perla italiana

I film da vedere questa settimana

Storie vere e ritagli di Storia poco noti, commedie divertenti o drammi struggenti, doc sapienti o cartoon poetici

Commenti