Cinema

The Zero Theorem di Terry Gilliam finalmente al cinema - Video

A tre anni dalla sua partecipazione alla Mostra di Venezia, arriva nelle sale italiane, dal 7 luglio

The Zero Theorem

Simona Santoni

-

Dopo esser stato presentato in concorso alla 70esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, nel 2013, The Zero Theorem, l'ultimo film di Terry Gilliam, finalmente arriva nelle sale italiane, il 7 luglio con Minerva Pictures. Il regista de I banditi del tempo (1981), Brazil (1985) e L'esercito delle 12 scimmie (1995) torna a fare incursione nell'universo fantascientifico presentandoci un futuro colorato ed eccentrico, che parla però del nostro presente: "Questo film racconta di come ormai tramite internet abbiamo accesso a tutto eppure siamo separati", aveva detto il cineasta britannico al Lido. Protagonista Christoph Waltz. Accanto a lui Mélanie Thierry, David Thewlis, Luca Hedges, Matt Damon e Tilda Swinton. 

In un mondo futuristico e orwelliano in cui l'umanità è controllata dal potere delle corporazioni e da "uomini videocamera" che rispondono alla losca figura nota solo con il nome di Management, il genio informatico Qohen Leth (Waltz) vive recluso all'interno di una ex cappella distrutta dalle fiamme. Solitario e afflitto da angoscia esistenziale, Qohen da tempo lavora su un misterioso progetto - il Teorema Zero - volto a scoprire lo scopo della vita, qualora ne esista uno. Il suo lavoro e il suo isolamento sono a volte interrotti dalle visite della sensuale e vistosa Bainsley (Thierry) e dell'adolescente prodigio Bob (Hedges). Sarà grazie a una delle invenzioni di quest'ultimo che Qohen affronterà un viaggio all'interno delle dimensioni nascoste della sua anima, dove si nascondono le risposte che sia lui che Management stanno ricercando per provare o confutare il Teorema Zero.

In questo video in esclusiva un estratto di The Zero Theorem:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

"The Zero Theorem" di Terry Gilliam a Venezia: il futuro è realtà e ci ha intrappolato

Accolto da numerosi applausi e qualche mugugno il nuovo colorato ed eccentrico film del regista di Brazil: "Tramite internet abbiamo accesso a tutto eppure siamo separati"

I 10 film di fantascienza più belli della storia del cinema

Una selezione (sofferta) di una delle più grandi espressioni del grande schermo, metafora in grado di riprodurre paure, speranze, disagi, sogni

Commenti