È morto l'attore Richard Kiel, lo Squalo dei film sullo 007 - Foto

Aveva 74 anni. Fu il memorabile rivale di James Bond dalla dentatura d'acciaio

Simona Santoni

-
 

Una statura da giocatore di basket e un volto spigoloso e imponente che l'hanno consacrato come cattivo dei film 007. Richard Kiel, attore americano torreggiante, ieri, a tre giorni dal suo settantacinquesimo compleanno è morto, in un ospedale della California dove era ricoverato.    

Alto 2 metri e 17 centimetri, è stato il villain di alcune avventure di James Bond. Era lui lo Squalo di La spia che mi amava (1977) e Moonraker - Operazione spazio (1979), provvisto di denti d'acciaio capaci di perforare anche i metalli e di resistere ai proiettili, con una corporatura possente che ricorda il mostro di Frankenstein. In Moonraker in realtà il suo personaggio ha una svolta buona, diventando alleato dell'agente segreto e convolando a nozze con una biondina dalla quale era rimasto fulminato. 

 

Nonostante fosse apparso in diversi altri film e spettacoli televisivi, quello dello Squalo è un ruolo iconico a cui Kiel non poteva sfuggire: "Tuttora esco in occhiali da sole e cappello perché la gente mi grida, anche dall'altra parte della strada, 'Hey, Squalo!'", aveva detto a inizio anno al Daily Mail.

Tra i suoi altri ruoli memorabili c'è quello di Voltaire, assistente del dottor Miguelito Loveless, nella serie tv statunitense anni '60 Selvaggio west o quello dell'extraterrestre Kanamit nella serie tv sempre anni '60 Ai confini della realtà

Ha ripreso il personaggio dello Squalo anche per diversi videogiochi di James Bond. Recentemente aveva doppiato il delinquente Vlad nella versione originale del cartoon Disney Rapunzel - L'intreccio della torre.

© Riproduzione Riservata

Commenti