Cinema

I miei giorni più belli, il nuovo film di Arnaud Desplechin - Video

Mathieu Amalric protagonista di una riflessione sulle esperienze significative di una vita vissuta intensamente

I miei giorni più belli

Simona Santoni

-

Arnaud Desplechin, il regista e sceneggiatore francese di Racconto di Natale e Jimmy P., torna con I miei giorni più belli (titolo originale Trois souvenirs de ma jeunesse), riflessione di un uomo sulle esperienze significative di una vita vissuta intensamente. Premio César 2016 come migliore regia, distribuito da Bim, arriva dal 22 giugno nei cinema di Roma e Bologna, in lingua originale con sottotitoli in italiano, e on demand (anche in lingua italiana) su Chili, Google Play, Infinity, iTunes, Mediaset Premium Play, TimVision, Wuaki.

Desplechin torna a raccontare le vicende di Paul Dédalus, l’enigmatico e romantico anti-eroe già interpretato nel 1996 da Mathieu Amalric in Comment je me suis disputé... (ma vie sexuelle), film in concorso al Festival di Cannes. Nel cast anche Lou Roy-Lecollinet, Quentin Dolmaire e André Dussollier.

Ne I miei giorni più belli incontriamo un Paul bambino e ne ripercorriamo l’infanzia e la giovinezza, segnate da grande passione e amori negati, conquistati e perduti.
Sul punto di tornare in Francia, Paul Dédalus si abbandona ai ricordi: l’infanzia, la follia di sua madre, le feste, la sua prima volta, la missione segreta in URSS, l'amico che lo ha tradito e l'amore della sua vita...

In questo video in esclusiva un estratto del film:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Mother's Day, commedia con Julia Roberts e Jennifer Aniston - Video

Garry Marshall indaga il rapporto tra madri e figli. Dal 23 giugno al cinema

Mothers, il doc di WeWorld sull'amore che cambia il mondo - Video

Il film firmato Fabio Lovino è presentato in anteprima nazionale al Taormina FilmFest

L'uomo che vide infinito, il film sul genio matematico Srinivasa Ramanujan - Video

Dal 9 giugno al cinema la storia vera dell'uomo d'ingegno indiano, completamente autodidatta. Con Dev Patel e Jeremy Irons

Commenti