Cinema

Gli anni più belli di Gabriele Muccino: il trailer

Quattro amici lungo quarant'anni di vita, dal 1980 ad oggi. Con Pierfrancesco Favino, Micaela Ramazzotti, Kim Rossi Stuart e Claudio Santamaria

Gli anni più belli

Simona Santoni

-

Dopo il successo al botteghino di A casa tutti bene (è stato il film italiano dai migliori incassi del 2018), Gabriele Muccino torna e ancora una volta con un film made in Italy, Gli anni più belli, che uscirà al cinema il 13 febbraio 2020. 

Dopo l'esperienza americana che l'ha fatto lavorare con divi internazionali come Will Smith, Russell Crowe e Jane Fonda, Muccino dirige attori italiani: Pierfrancesco Favino (che era anche in A casa tutti bene), Micaela Ramazzotti, Kim Rossi Stuart, Claudio Santamaria.

Gli anni più belli, il cui titolo riprende il brano inedito di Claudio Baglioni che percorre anche il trailer, è la storia di quattro amici, Giulio (Favino), Gemma (Ramazzotti), Paolo, (Rossi Stuart) e Riccardo (Santamaria), raccontata nell’arco di quarant’anni, dal 1980 ad oggi, dall’adolescenza all’età adulta. Le loro speranze, le loro delusioni, i loro successi e fallimenti sono l’intreccio di una storia di amicizia e amore attraverso cui si narrano anche l’Italia e gli italiani.
È il grande cerchio della vita che si ripete con le stesse dinamiche nonostante sullo sfondo scorrano anni e anche epoche differenti.

La colonna sonora del film è di Nicola Piovani

Ecco il trailer ufficiale:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Gabriele Muccino: perché sono tornato a lavorare in Italia

Intervista al regista, a New York per la tappa americana del tour di Panorama. Un viaggio tra la cultura Usa e quella natia

L'estate addosso di Gabriele Muccino, un film sull'età dei cambiamenti e dei sogni - Video

Dal 14 settembre nelle sale, è un teen-movie da Roma a San Francisco. Aderisce all'iniziativa "Cinema2Day"

Addio a Bud Spencer: da Russell Crowe a Gabriele Muccino il saluto dei vip

Dai social il commiato e i "grazie" all'attore Carlo Pedersoli, "compagno di un'infanzia solare"

Commenti