Simona Santoni

-

Di bellezza delicata quanto prepotente, Elisa Sednaoui sarà la madrina delle serate di apertura e di chiusura della 72esima Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, che si svolgerà al Lido dal 2 al 12 settembre 2015.

Molti probabilmente la ricorderanno come l'eterea e avvenente Francesca che irrompe nella sconclusionata quotidianità di Fabio De Luigi nella commedia del 2014 Soap Opera di Alessandro Genovesi. Nata come modella, ha debuttato come attrice nel 2010.

Ventisette anni, occhi verdi, aria selvaggia e smorfia delle labbra accativante, Elisa porta dietro al cognome Sednaoui il suo fascino esotico. Nata a Bra nel 1987, da madre italiana e padre egiziano, è cresciuta tra Egitto, Italia e Francia.

Dopo aver sfilato sulle passerelle internazionali, aver rappresentato le principali case di moda ed esser stata tra le modelle del Calendario Pirelli, ha esordito al cinema nel ruolo femminile principale di Indige'ne d'Eurasie (Eastern Drift) del regista lituano Sharunas Bartas, presentato al Forum del Festival di Berlino. 

Ha avuto poi il ruolo femminile principale in Bus Palladium (2010) di Christopher Thompson. Ha partecipato a L'amour dure trois ans (2012) diretto da Fre'de'ric Beigbeder e a La leggenda di Kaspar Hauser (2012) di Davide Manuli, con Vincent Gallo, Fabrizio Gifuni e Claudia Gerini, film presentato al Festival di Rotterdam.    

Nel 2013 ha partecipato a Les Gamins di Anthony Marciano e a Libertador di Alberto Arvelo con Edgar Ramirez, Maria Valverde e Danny Houston, presentato al Festival di Toronto.

Il 2015 l'ha vista affrontare la sfida della regia col documentario Image of a Woman, ancora inedito, codiretto con Martina Gili e cosceneggiato con lo scrittore e sceneggiatore Nicholas Klein (Buena Vista Social Club, Million Dollar Hotel).    

Recentemente ha creato la Elisa Sednaoui Foundation (Esf) un progetto concepito per promuovere lo sviluppo personale ed educativo dei giovani nelle aree rurali egiziane, e quindi con minori opportunità, incoraggiando la creatività, la tolleranza e i valori democratici, proponendo attività culturali ed extra scolastiche. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Festival di Cannes 2015: che giuria sexy! - Foto

Accanto ai presidenti Joel ed Ethan Coen una schiera di divi attraenti e artisti originali e dirompenti

Commenti