Cinema

10 film da vedere se passi a casa il mese di agosto

Commedie divertenti, film rinfrescanti, classici da rispolverare e, ovviamente, qualche storia da brivido

proiettore retrò, cinema, 16mm

Simona Santoni

-

Anche l'estate in casa può avere il suo perché se c'è un buon film ad accompagnare i caldi giorni. L'occasione per recuperare piccole perle poco note perse per strada, grandi classici non ancora messi in archivio, cult movie da rivedere ancora, film poco chiacchierati ma davvero belli, commedie per una ventata di leggerezza. 

Ecco 10 film da vedere ad agosto se resti a casa.

1) Ricomincio da capo (1993) di Harold Ramis

Di nuovo? Certo. Anzi, da capo. Un nuovo Giorno della marmotta, nuove risate assicurate, 25 anni dopo. Il faccione scontroso di Bill Murray, che rivive la stessa giornata in loop e (quasi) mai riesce a sedurre la bella Andie MacDowell (60 anni quest'anno), è impagabile.

2) L'ospite inatteso (2007) di Tom McCarthy

Prima ancora di vincere l'Oscar con Il caso Spotlight, McCarthy si è fatto notare con questo film delicato e gentile sull'accoglienza e l'integrazione razziale. Un balsamo confortante nel clima ostile verso la diversità che c'è ora in Italia. 

3) Jackie Brown (1997) di Quentin Tarantino

Aspettando il nuovo film di Quentin sugli omicidi della setta guidata da Charles Manson, Once Upon a Time In Hollywood, perché non guardare Jackie Brown, crime movie grottesco, uno dei film più sottovalutati del regista pulp? Tosta Pam Grier.

 

4) Il condominio dei cuori infranti (2015) di Samuel Benchetrit 

Tre storie di caduta, sei personaggi in cerca d'amore. In una periferia francese annoiata e quasi addormentata, incontri di solitudini, tenerissimi e divertenti. Con Valeria Bruni Tedeschi, Isabelle Huppert e Michael Pitt.

5) Notorius - L'amante perduta (1946) di Alfred Hitchcock

Non può mancare Hitchcock in un'estate da brividi. Notorius è uno dei suoi film meno invecchiati. Triangolo di amori, spie e inganni. Favolosi Ingrid Bergman e Cary Grant.

6) Poetry (2010) di Lee Chang-dong

Un film da recuperare assolutamente per chi l'abbia perso. Malinconico, certo, ma folgorante. Un gioiello sudcoreano. Una vecchina cerca di comporre la sua prima poesia e intanto, con lei, al suo ritmo lento, esploriamo i particolari delle cose che ci circondano e le pieghe dell'animo umano, anche quelle più tremende.

7) Blow-Up (1966) di Michelangelo Antonioni

L'occasione per vedere (o rivedere) Vanessa Redgrave diretta da Antonioni, prima che venga premiata alla Mostra del cinema di Venezia con il Leone d'oro alla carriera: "Il tema dell'incomunicabilità, caro al regista italiano, trova un'interprete perfetta in quella giovane donna enigmatica, che si esprime quasi senza parlare", scrive la Biennale di Venezia. 

8) Lasciami entrare (2009) di Tomas Alfredson

Un po' di fresco per un horror svedese sui generis. In una fredda Stoccolma, tra sangue e neve, una delicata storia di solitudine, amicizia, amore, complicità. Eccoli lì, un ragazzino biondissimo, emarginato, e una vampiretta che non può eludere la sua natura omicida. 

9) La canzone del mare (2014) di Tomm Moore

Film d'animazione poetico, magico e commovente, che ci porta in un faro sul mare e nell'incanto del folk irlandese. Combina ricchezza e profondità narrative alla semplicità genuina dei disegni. Una perla da non perdere. 

10) Hollywood Party (1968) di Blake Edwards 

Un classico che compie 50 anni. Peter Sellers non è stato solo l'ispettore Cluseau de La Pantera Rosa, sempre in coppia con Edwards. Eccolo in una commedia di gag divertenti, nei panni di un attore imbranato, in un crescendo di follia.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

I film più belli del 2018 (finora)

Al primo posto il gioiello giapponese "Un affare di famiglia" di Kore-eda Hirokazu. Da non perdere

I film più belli del 2017

Al primo posto "Moonlight", storia dolente e luminosa da Oscar. Al secondo "Dunkirk", il war movie dell'anno. Ecco i film migliori

1968: i dieci film più belli (che compiono cinquant'anni)

Il cinema di un anno fatidico nell’evoluzione di forma e contenuti. Per una "classifica" fatta di capolavori e opere che hanno rivoluzionato i generi

Commenti