Acido ialuronico: rimedio efficace e rapido sia per le ferite superficiali che per le lesioni croniche

Noto ai più soprattutto per il suo utilizzo in medicina estetica, l'acido ialuronico è un aiuto preziosissimo nella cura dell'epidermide

Sponsorizzato da Fidia farmaceutici

La pelle svolge un ruolo primario di protezione del nostro organismo sia verso l’interno, poiché impedisce la perdita di fluidi corporei e proteine essenziali per la vita, sia verso l’esterno poiché contrasta la penetrazione dei microorganismi come i batteri e funghi o di sostanze chimiche e di radiazioni solari. È quindi esposta quotidianamente a rischi di lesioni quali escoriazioni, graffi, scottature, eritemi, ferite o tagli superficiali, irritazioni da agenti chimici o fisici quali freddo e vento, vesciche superficiali  Anche gli arrossamenti da pannolino e le ragadi al seno costituiscono lesioni comuni quanto mai dolorose.

Anche se si tratta di ferite superficiali, non possono essere trascurate: quando l’epidermide viene danneggiata si perdono oltre 50 strati di cellule e viene meno la barriera cutanea a difesa dell’organismo.

Grazie all’acido ialuronico, che stimola la riparazione della pelle, è possibile accelerarne la guarigione: se una ferita normalmente impiega giorni a rimarginarsi – soprattutto passati i 25 anni quando il ricambio cellulare comincia a rallentare - con l’acido ialuronico questo tempo si riduce di molto, con migliori esiti cicatriziali.

Come funziona? L'acido ialuronico, oltre ad essere un componente naturale della pelle, accelera la riparazione della barriera cutanea perché è una molecola che lega a sé tantissima acqua e favorisce, idratando gli strati superficiali della ferita, la proliferazione e il movimento delle cellule coinvolte nei processi di riparazione dell’epidermide, accelerando quindi la guarigione delle ferite.

Quanto prima le funzioni protettive della pelle vengono ripristinate, tanto più si allontanano i rischi di infezione.

E’ però importante distinguere le lesioni acute, quindi graffi, piccole ferite e ustioni di primo grado, da quelle croniche, come le ulcere vascolari, quelle da pressione e il piede diabetico, che in Italia affliggono circa 2 milioni di persone . Queste lesioni, infatti, necessitano di tempi molto più lunghi per raggiungere la definitiva guarigione: di settimane e mesi.
Anche in questo caso l’acido ialuronico assolve alla sua funzione rigenerativa, riducendo i tempi di guarigione a beneficio del paziente e della sua qualità della vita.

L’acido ialuronico è una molecola affascinante, perché oltre ad essere presente naturalmente in diversi distretti corporei, può essere lavorata a livello chimico e strutturale per dare vita a prodotti farmacologici efficaci e di qualità, in grado di enfatizzarne le proprietà riparative, rigenerative e idratanti. Ed è proprio grazie alla moderna ricerca scientifica in questo campo, in cui Fidia Farmaceutici è pioniera, che oggi è possibile contare su diversi prodotti in grado di rispondere al bisogno di salute e benessere della persona nella sua totalità.

I contenuti di questo post sono stati prodotti integralmente da Fidia farmaceutici
© Riproduzione Riservata