Ansa
Tecnologia

Tim lancia la scuole on line Maestri d'Italia

Nel pieno del lockdown indotto dal governo per affrontare l'emergenza coronavirus, l'importanza del digitale e delle competenze necessarie per stare in Rete è emersa con ancora maggiore evidenza: è Internet che permette a tutti noi di restare in contatto con i nostri cari, a chi lavora di poter fare smartworking e alle scuole di continuare a funzionare, grazie alla didattica a distanza.

Per questo motivo promuovere la cultura digitale e far sì che ancora più persone siano a proprio agio con le nuove tecnologie è sempre più importante: in questo senso si inserisce il progetto di Tim "Operazione Risorgimento Digitale", partito lo scorso novembre e che adesso assume una valenza ancora più strategica e di sistema con il lancio della scuola online Maestri d'Italia.

Il progetto, che prenderà il via il prossimo 14 aprile, ha l'obiettivo di supportare il sistema scolastico in questo difficile momento e migliorare la padronanza delle competenze che servono per stare in Rete, rivolgendosi a un pubblico di tutte le età. Dai bambini, che potranno avere a disposizione contenuti educativi di qualità, agli adulti, che invece avranno accesso a master class gratuite per migliorare le loro competenze digitali, oltre a poter fruire di un ciclo di trenta talk quotidiani in cui una serie di note personalità analizzeranno la pandemia di coronavirus nei suoi risvolti sociali, economici e culturali.

In questo modo "Operazione Risorgimento Digitale" riparte sotto una nuova veste. Il progetto era stato infatti lanciato originariamente sotto forma di tour itinerante sul territorio, ma era stato sospeso in via cautelativa lo scorso 23 febbraio. Obiettivo dell'iniziativa di Tim, alla quale hanno aderito oltre trenta partner d'eccellenza, era appunto la promozione della cultura digitale nel nostro Paese, con un programma di 20mila ore di lezione da proporre in tutte le 107 province italiane.

Partito l'11 novembre da Marsala, città simbolo del Risorgimento, il tour ha toccato, prima della sospensione, diverse città in Sicilia e Calabria.

Anche di fronte alla rapida diffusione dell'emergenza coronavirus, il programma "Operazione Risorgimento Digitale" non si è mai fermato ma è andato avanti rinnovandosi e supportando dal primo giorno le piattaforme di didattica online. Nell'ambito del progetto Tim ha infatti realizzato diversi interventi e iniziative a supporto delle famiglie e delle aziende oltre a donare, ad esempio, smartphone e sim agli istituti penitenziari e a 30 ospedali della regione Lombardia, potenziare le reti mobili per alcune strutture sanitarie in Sardegna e Trentino Alto Adige, e - insieme a Google e WeSchool - supportare quotidianamente le scuole nello svolgimento della didattica online con piattaforme gratuite.

Fondazione Tim ha inoltre donato 1 milione di euro a quattro strutture sanitarie nazionali: Ospedale San Raffaele di Milano, Consorzio per la Ricerca Sanitaria – Coris di Padova, Ospedale Spallanzani di Roma e Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione "G. Pascale" di Napoli.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti