Sport

Trials Usa: la Tarmoh rinuncia al duello

Rinuncia allo spareggio nei 100 contro la Felix e le regala il pass per Londra 2012

Il fotofinish tra Jeneba Tarmoh e Allyson Felix (Credits: AP Photo/USA Track & Field)

Gli americani l'hanno giò ribattezzata "la sfida più attesa che non sia mai stata corsa". Un duello uno contro uno in diretta nazionale. La posta in gioco: un biglietto di sola andata per Londra 2012.

Ma Jeneba Tarmoh sulla pista dei 100 metri dell'Hayward Field Stadium di Eugene, nell'Oregon, non si è mai presentata. Il biglietto, quello per le Olimpiadi, lo staccherà la sua rivale e compagna di allenamento Allyson Felix.

Il primo atto del duello tra le due si era svolto poco più di una settimana fa. Quella sera Jeneba Tarmoh il suo posto per i 100 metri alle Olimpiadi di Londra credeva di esserselo guadagnato. Dopo aver tagliato il traguardo la Tarmoh ha alzato lo sguardo al cielo verso il maxischermo dell'Hayward Stadium, ed ha visto il suo nome al terzo posto dell'ordine d'arrivo (l'utlimo utile per ottenere il pass olimpico), subito dopo quello della Jeter e della Madison.

Una gioia incontenibile: abbraccio con le avversarie, giro di campo, abbraccio con amici e parenti prima della cerimonia di premiazione con la consegna della medaglia di bronzo.

Un momento incredibile per una ragazza di 23 anni. L'emozione però evapora quando la federazione USA decide che né l'immagine del fotofinish né il il cronometro al millesimo di secondo sono in grado di stabilire chi tra la Tarmoh e la Felix abbia effettvamente tagliato il traguardo per prima. Da lì in poi seguirà una lunga settimana di trattative tra la federazione e le atlete per stabilire a chi appartiene la medaglia di bronzo e quindi chi deve salire sull'aereo per Londra. Sul tavolo ci sono solo due possibilità: lasciar decidere alla sorte, con il lancio della monetina, oppure giocarsi tutto in una corsa uno contro uno (run-off).

Le ragazze scelgono di decidere sul campo, ma la Tarmoh cambia idea all'ultimo e scrive tutto in una email "correre questa sfida voleva dire andare contro quello che sentivo dentro... Anche se questo vuol dire rinunciare alle Olimpiadi il mio cuore non era in pace per poter correre".

Sarebbe stato un evento unico per le televisioni americane. Un duello a mezzogiorno (in realtà alle 17 ora locale) degno di un western di Sergio Leone. Il set era pronto. E' mancato uno dei protagonisti. A Londra 2012 ci va Allison Felix

© Riproduzione Riservata

Commenti