Formula 1

F1, Gp Spagna: anticipazioni, quote, orari e precedenti

Sulla pista di Barcellona, sede dell'ultimo successo Ferrari, Alonso proverà a confermare i miglioramenti visti in Cina. La Mercedes punta alla quinta vittoria consecutiva

Alonso e Vettel, uno di fianco all'altro a Barcellona nella tradizionale conferenza stampa della vigilia – Credits: EPA/ALBERTO ESTEVEZ

La fortuna aiuta gli audaci. Dopo i mezzi disastri messi da parte dalla Ferrari nelle prime tre gare, in cui nulla sembrava girare per il verso giusto, tanto da suggerire a Stefano Domenicali di fare un passo indietro perché nella stessa direzione non si poteva più andare, la “prima” di Marco Mattiacci al timone del Cavallino da corsa ha prodotto entusiasmi inattesi. Il terzo posto di Fernando Alonso in Cina è il punto più alto toccato dalla rossa dall'inizio della stagione. Un risultato raggiunto, è bene ricordarlo, con la stessa macchina che fino ad allora aveva dimostrato di non poter tenere il passo di almeno una mezza dozzina di monoposto. Mattiacci prende per mano la Ferrari e ricominciano i sorrisi. Sì, ma la realtà, parola di Alonso, sta da un'altra parte. “Mentirei se dicessi che andremo sul podio o vinceremo – ha spiegato ieri il due volte campione del mondo - Il terzo posto in Cina è stato frutto di un insieme di fattori e circostanze favorevoli, sarà dura”.

Sarà dura. Pure se in Spagna la Ferrari presenterà numerose novità che dovrebbero migliorare l'aerodinamica, la trazione e la frenata. La strada da fare è ancora lunga. “Siamo partiti con un grosso deficit rispetto alla Mercedes, non è facile avvicinarci”, ricorda il pilota spagnolo. Parole che vengono riproposte, a stretto giro di posta, dal suo rivale numero uno negli ultimi anni, Sebastian Vettel, gioiello pluridecorato della Red Bull, anche lui in ripresa dopo un pronti-via da mani nei capelli. “Perdiamo molto sui rettilinei – ha detto il tedesco - Il divario sulla Mercedes è di oltre 7 km/h. Rispetto all’inverno abbiamo recuperato molto, ma il motore non è ancora al livello che vorremmo”. Nell'attesa che Ferrari e Red Bull trovino la chiave per risolvere i guai che ne hanno condizionato pesantemente l'avvio di campionato, la Mercedes naviga a vele spiegate verso un trionfo da primato. Tre vittorie per Hamilton, una per Rosberg, che guida la classifica grazie ai tre secondi posti infilati nelle ultime tre gare. Sulla pista di Barcellona, partiranno ancora loro con i favori del pronostico.

I numeri del Gp della Spagna

Gara numero 5 di 19

Nome circuito: Circuit de Barcelona-Catalunya

Prima gara disputata nel 1991

Numero di giri: 66

Lunghezza del circuito: 4,655 Km

Distanza complessiva: 307,104 Km

Miglior tempo: 1’21”670 – Raikkonen (2008)

I precedenti

Pole, podi e risultati Ferrari nelle ultime quattro edizioni

2013 – Pole: Rosberg (Mercedes). Podio: 1° Alonso (Ferrari), 2° Raikkonen (Lotus), 3° Massa (Ferrari). Giro più veloce: Gutierrez (Sauber).

2012 – Pole: Maldonado (Williams). Podio: 1° Maldonado (Williams), 2° Alonso (Ferrari), 3° Raikkonen (Lotus). Giro più veloce: Grosjean (Lotus). Ferrari: 15° Massa.

2011 – Pole: Webber (Red Bull). Podio: 1° Vettel (Red Bull), 2° Hamilton (McLaren), 3° Button (McLaren). Giro più veloce: Hamilton (McLaren). Ferrari: 5° Alonso, Massa ritirato al 58° giro per problemi al cambio.

2010 – Pole: Webber (Red Bull). Podio: 1° Webber (Red Bull), 2° Alonso (Ferrari), 3° Vettel (Red Bull). Giro più veloce: Hamilton (McLaren). Ferrari: 6° Massa.

La classifica piloti prima del Gp della Spagna
(prime 10 posizioni)

1° Rosberg (Mercedes), 79 punti; 2° Hamilton (Mercedes), 75; 3° Alonso (Ferrari), 41; 4° Hulkenberg (Force India), 36; 5° Vettel (Red Bull), 33; 6° Ricciardo (Red Bull) e Bottas (Williams), 24; 8° Button (McLaren), 23; 9° Magnussen (McLaren), 20;10° Perez (Force India), 18.

La classifica costruttori prima del Gp della Spagna
(prime 5 posizioni)

1° Mercedes, 154 punti; 2° Red Bull, 57; 3° Force India, 54; 4° Ferrari, 52; 5° McLaren, 43.

Le quote bwin

Per Lewis Hamiltona Barcellona quote rasoterra sia per il successo domenicale (1.55) che per la pole (1.40) del sabato. Segue Nico Rosberg, che si punta a 3.00 nelle qualifiche ufficiali e 3.30 in gara.

Appuntamento di casa per Fernando Alonso e quindi grandi motivazioni. Il bookie bwin è fiducioso e assegna al ferrarista la quota 12.00 per il gradino più alto del podio e di 25.00 per la pole. Più incertezza sul compagno di squadra Kimi Raikkonen, la cui qualifica vale 30.00, mentre il trionfo nella corsa 35.00.

La Red Bull continua l’inseguimento di Mercedes e Ferrari con il giovane Daniel Ricciardo,che si è dimostrato molto più in palla rispetto all’iridato Sebastian Vettel. Stesse quote per i due piloti: sia il gradino più alto del podio che la pole position valgono 15.00.

In casa Williams Felipe Massa e Valtteri Bottas continuano aviaggiare con le medesime quote: qualifiche e successo iberico rispettivamente a 75.00 e 55.00.

Mc Laren non pervenuta in queste prime gare. Quote alle stelle per gli alfieri Janson Button e Kevin Magnussen. Tripla cifra addirittura per il giro più veloce: 100.00 Button e 150.000 Magnussen. Per il colpo catalano il britannico si punta a 85.00 e il danese a 100.00.

Gli orari tv

Venerdì

Ore 10: prove libere 1, diretta Sky Sport F1. Differita Rai Sport 1 alle 14,30

Ore 14: prove libere 2, diretta Sky Sport F1. Differita RaiSport 1 alle 22

Sabato

Ore 11: prove libere 3, diretta Sky Sport F1

Ore 14: qualifiche, diretta Sky Sport F1. Differita Rai2 alle 17,50

Domenica

Ore 14: gara, diretta Sky Sport F1. Differita Rai1 alle 21

Twitter: @dario_pelizzari

© Riproduzione Riservata

Commenti