11665020_10153481882498566_15355737_o
Calcio

L'Udinese presenta Adnan, l'iracheno che ha girato uno spot contro l'Isis

Primo giocatore del suo paese in serie A, è stato pagato 2 milioni di euro. In curriculum anche un video contro il terrorismo

Oggi l'Udinese ha presentato Ali Adnan, primo iracheno nella storia della serie A. Il terzino classe 1993 ha firmato un contratto di cinque anni e si è presentato alla stampa con la voglia di stupire: "Non temo nessuno". E' stato acquistato per 2 milioni di euro dai turchi del Caykur Riezspor. Nato a Baghdad, lo scorso anno ha fatto discutere per un video in tenuta militare che lo ritrae durante un addestramento anti Isis dell'esercito iracheno, immagini che il giocatore ha voluto spiegare ai giornalisti: 

618839

"Non è vero che facevo parte dell'esercito iracheno, ho fatto solo pubblicità insegnando calcio. Tutto qui. Non ho combattuto. il mio era solo un modo di sostenere il mio Paese contro l'Isis, Sono orgoglioso di averlo fatto. Io sono uno sportivo, non c'entro con la politica. Qui rappresento anche la gioventù irachena. Sono orgoglioso di rappresentare la mia Patria e di essere figlio d'arte". Il padre di Ali Adnan ha infatti giocato per anni nella massima divisione irachena e lo zio è stato attaccante della nazionale fino agli anni Ottanta. 

Ali Adnan è stato eletto tra i 10 migliori giocatori ai mondiali Under 20 in Turchia nel 2013 e l'anno successivo premiato tra i migliori 20 asiatici. Ora si realizza il sogno della serie A: "Sono pronto a giocare in qualsiasi posizione della difesa ma il mio idolo è Roberto Carlos: un giocatore di livello internazionale, ho segnato anche io un gol simile a uno dei suoi". A tifare per lui una famiglia numerosa: "Numerosa e conosciuta. In casa siamo in 10, oltre ai miei genitori siamo tre sorelle e quattro fratelli, di cui due calciatori. Il maggiore giocava ma ha dovuto smettere per un intervento al ginocchio e il piu' piccolo anche gioca, ma e' ancora giovane, ha appena 18 anni".

© Riproduzione Riservata

Commenti