Calcio

Le città del Mondiale: Belo Horizonte

Le 12 sedi dei Mondiali raccontate da chi ci è nato. La nostra guida per la quinta tappa è l'architetto Luciana Masiero - Porto Alegre – Salvador – Rio de Janeiro - Recife

Una delle strutture presenti nell'area di Pampulha – Credits: Xara/Fifa.com

In collaborazione con l'Ufficio culturale dell'Ambasciata del Brasile, vi proponiamo un viaggio alla scoperta delle 12 città che ospiteranno il Mondiale 2014. La quinta tappa è Belo Horizonte.

La guida
Si chiama Luciana Masiero e lavora come guida turistica in Toscana, spesso al servizio di turisti brasiliani che vogliono conoscere le bellezze del territorio. Dopo aver conseguito la laurea in Architettura e Urbanistica all'università di Belo Horizonte, ha deciso di lasciare il Brasile nel 2006 alla “ricerca della sua storia familiare”. Il suo bisnonno era italiano.

Cosa vedere
“La città si trova all'interno del Paese, a circa 600 chilometri dalla costa, e questo ha consentito lo sviluppo di un'architettura molto particolare, che ben si accompagna alle bellezze del barocco mineiro in puro stile portoghese. Belo Horizonte è una città molto notturna, piena di bar e ricca di cose da vedere e da mangiare. Non è turistica come Rio de Janeiro, da noi non c'è il mare. Tuttavia, è molto frequentata per ragioni di business. Perché poco distante c'è uno stabilimento della Fiat, gli uffici amministrativi di Nova Lima, e tante altre imprese che raccolgono migliaia di persone.

"Consiglio di visitare il complesso della Pampulha, firmato dall'architetto brasiliano Oscar Niemeyer. E' stato realizzato su una laguna artificiale, oggi è una zona residenziale che ospita la chiesa di San Francesco d'Assisi e lo stadio Mineirão. E cosa dire del mercato centrale, dove si può trovare un po' di tutto, del circuito culturale della Piazza della libertà, che propone ex palazzi amministrativi che si sono trasformati in spazi per l'arte, e della Piazza del Papa, dalla quale si può ammirare tutta la città? Posti bellissimi e unici, imperdibili. Ma il viaggio a Belo Horizonte non sarebbe completo se non si trascorresse una sera al quartiere Savassi, che prende il nome da una panetteria italiana. E' un punto di incontro frequentatissimo, soprattutto di sera”.

Cosa evitare
“Le raccomandazioni sono comuni a quelle che vengono solitamente considerate per le grandi città. Non girare con i vetri dell'auto abbassati verso ora di sera, non camminare per strada con gioielli visibili, non andare da soli in zone non segnalate dalle guide turistiche. Nulla di più, nulla di meno”.

Cosa mangiare
“La cucina mineira è famosa in tutto il Paese. Lo dico subito, non è leggera, ma propone molti piatti caratteristici. Oltre al classico picanha, un taglio di carne tipico della cucina brasiliana, ci sono molti formaggi. Con questi ultimi, si produce il pão de queijo, panini al forno salati. Sono buonissimi. E poi sono diversi i piatti che hanno come base i fagioli, la carne di maiale, la carne secca, le verdure, il mais e il riso. Come dicevo, cucina buonissima ma certo non leggera. Sulle bevande non si sbaglia, dico cachaça, un'acquavite prodotta con la canna da zucchero”.

Cosa indossare
“Nel periodo del Mondiale, a Belo Horizonte sarà autunno. Ma non farà freddo, certo che no. La temperatura media del periodo è intorno ai 25 gradi, si sta benissimo. Okay per un maglioncino, ma da mettere nella borsa soltanto per la sera e se si sale nella zona delle montagne”.

Forse non tutti sanno che...
“A 60 chilometri dalla città si trova il Centro d'arte contemporanea Inhotim, mai visto niente del genere altrove. La sua caratteristica? E' un parco a tutti gli effetti che ospita istallazioni di grandi dimensioni. Una bellezza da togliere il fiato”.

Calcio: indicazioni per l'uso
“In città giocano tre squadre: l'Atletico Mineiro, la mia preferita, il Cruzeiro e l'America, la più piccola, seguita per lo più dalle persone più anziane. Ognuna di loro ha un soprannome. L'Atletico viene chiamato Galo (gallo, dal simbolo del club), il Cruzeiro, di chiare origini italiane, è conosciuto con il nome di Raposa (volpe), mentre l'America con quello di Coelho (coniglio). Inutile dire che i tifosi del Cruzeiro e dell'Atletico Mineiro non si possono proprio vedere, sono nemici in tutto e per tutto e quando c'è il derby la città si ferma”.

Numeri e curiosità

Fondata nel 1897

Abitanti: 2.375.151 (censimento 2010)

Altitudine: 858 metri sul livello del mare

Fuso orario: UTC-3 (le 12 a Roma, le 8 a Belo Horizonte)

Stato federato: Minas Gerais

Sono nati a Belo Horizonte, tra gli altri, i calciatori Juan Jesus, Luis Vinicio e Toninho Cereza; il fondatore del gruppo metal dei Sepultura, oggi leader dei Soulfly, Max Cavalera; l'attuale presidente del Brasile, Dilma Rousseff.

Le partite del Mondiale

14 giugno – Colombia-Grecia (fase a gironi)

17 giugno – Belgio-Algeria (fase a gironi)

21 giugno – Argentina-Iran (fase a gironi)

24 giugno – Costa Rica-Inghilterra (fase a gironi)

28 giugno – Ottavi di finale

8 luglio – Semifinale

Twitter: @dario_pelizzari
Facebook

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Tutti gli stadi di Brasile 2014

Ecco i 12 impianti che ospiteranno le partite dei Campionati del Mondo di calcio dal match inaugurale del 12 giugno alla finale del 13 luglio 

Commenti