cantu_varese
Basket

Basket: Milano perde la prima in casa, Varese vince la 6a nel derby con Cantù

L'EA7 superata dall'Aquila Trento nella 25a giornata, che vede anche Cremona vincere la sfida-salvezza su Pesaro. Il punto

Nella 25a giornata del Campionata di Serie A di basket squadre lombarde protagoniste, nel bene e nel male e dalla testa al fondo della classifica. Ma andiamo con ordine..

La prima sconfitta interna di Milano
Era dal 19 maggio 2016, in occasione della sconfitta nella prima partita della serie di semifinale contro Venezia, che l’EA7 Milano non perdeva una partita in casa. In quell’occasione, che si rivelò poi un piccolo incidente di percorso sulla strada verso il 27° scudetto, il parquet era però quello del PalaDesio, mentre l’ultimo ko interno al Forum risaliva addirittura al 31 gennaio dello scorso anno per mano di Avellino. Imitata ora in quel di Assago da una Dolomiti Trentino (17 punti di Marble e Sutton, 15 di Baldi Rossi) che approfitta senza alcuna remora né timore reverenziale della situazione d’emergenza sanitaria in cui versano i campioni d’Italia.

Recuperare gli infortunati (a partire da Kruno Simon e dalla sua leadership) rimane il primo obiettivo in vista dei playoff di un’Olimpia che fronte mercato sta ora valutando la 24enne guardia statunitense (con passaporto nigeriano) Rasheed Sulaimon, attualmente in D-League. Anche se poi, in attesa del recupero fisico di Sanders, i problemi per coach Repesa rimangono anche ben evidenti sotto canestro, visto che Raduljica (8 punti e un rimbalzo in 19 minuti di impiego) ha confermato contro Trento l’andamento della sua sinora avulsa stagione e che alla sua seconda partita il neo-acquisto Tarczewski ha dato un contributo di nuovo inversamente proporziale ai suoi 213 cm (un canestro e 3 rimbalzi in 10 minuti). Il tutto in una serata “no” anche da parte di McLean (6 punti, 4 rimbalzi in 16 minuti).

La sesta di Varese (e per di più contro Cantù)
Se non quella più in forma, Varese è di sicuro la squadra più determinata del momento: tanto da cogliere la sua sesta vittoria consecutiva e per di più andando a vincere dopo dieci anni il derby a Cantù. Dominante a rimbalzo (43 a 29) e per tanti minuti aggressiva in difesa già dalla rimessa come da piano-partita di coach Attilio Caja, l’Openjobmetis ha in attacco le sue bocche da fuoco in Eyenga (top-scorer con 25 punti) e Maynor (24, con in più 7 assist), oltre a 10 punti a testa da Dominique Johnson, Pelle e O.D. Anosike (in doppia doppia con anche 13 rimbalzi). Ma l’energia e la “voglia” sono di tutta la squadra, come certificano anche e soprattutto i 12 minuti sul parquet di un Bulleri senza punti a referto ma con tantissimo lavoro dall’una e dall’altra parte del campo a dispetto dei suoi 39 anni. L’opposto esatto di Cantù che, con JaJuan Johnson limitato dal pacchetto di lunghi avversari dopo una fiammata iniziale (10 punti nel primo quarto, 19 finali), non riesce a trovare valide alternative in attacco ed è costantemente un giro indietro nelle rotazioni difensive. Per i brianzoli la posizione in classifica rimane di sicurezza, ma il calendario prevede avversarie assai ostiche e quindi la necessità di rimettersi subito in carreggiata per incassare quanto prima i punti necessari per scongiurare matematicamente il rischio retrocessione. E magari, grazie all’esperienza e competenza di coach Recalcati, iniziare a pensare a un futuro meglio strutturato rispetto a quanto s’è visto questa stagione.

Il successo (salvezza?) di Cremona
Vera e propria impresa della Vanoli, che supera Pesaro fuori casa nello scontro diretto per la salvezza, riagganciando così i marchigiani in ultima posizione ma con il vantaggio della differenza canestri, ribaltata dal -2 dell’andata con il +10 esterno di questa 25a giornata. A trascinare Cremona è Elston Turner, con 20 punti e 11 rimbalzi.

La corsa playoff
Vincendo a Capo d’Orlando (al suo secondo passo falso consecutivo), Reggio Emilia si rilancia alla grande nella corsa playoff, in cui tiene il ritmo anche Sassari che supera con un canestro finale di Lacey la Brindisi del suo ex-coach (di tanti successi) Meo Sacchetti. Per i sardi 20 punti di Bell e 15 con 8 rimbalzi di Lawal, mentre i pugliesi hanno 29 punti da Nic Moore (top-scorer del turno) ma solo un punto in 13 minuti da Samardo Samuels.

Senza più Michele Vitali fino a fine stagione, ma con il fratello Luca a smistare altri 8 assist (migliore del turno insieme con il trentino Craft) e con il recuperato Moss a ridare subito il suo contributo (14 punti) al fianco di un Landry (22) tornato a sua volta nei panni del capocannoniere del torneo, la Germani Brescia torna alla vittoria dopo quattro sconfitte consecutive contro Caserta e rimane così a sua volta virtualmente in gara per un posto nei playoff alla pari della già citata Varese.

L’Mvp
L’ottavo posto, l’ultimo valido per la post-season, è però al momento di Pistoia, che vince all’overtime a Torino grazie alla super-prestazione di Ronald Moore: per il play americano 22 punti e 5 assist, ma anche 10 rimbalzi e 2 recuperi che ne fanno il migliore in assoluto della giornata.

Il posticipo: Venezia sempre più seconda
Senza Fesenko, infortunatosi al legamento collaterale del ginocchio sinistro con tempi di recupero tutti da verificare, Avellino se la gioca fino in fondo ma deve soccombere sul parquet di una Venezia che ha Bramos in doppia doppia (16 punti, 10 rimbalzi) e un rientrante Tonut infallibile al tiro (13 punti, con 1/1 da due, 3/3 nelle triple e 2/2 dalla lunetta). Determinanti per il successo della Reyer, ora sempre più seconda in classifica, sono però anche e soprattutto le giocate di Filloy (10 punti, 4 assist): suoi la tripla che spezza l'equilibrio (76-72) all'ultimo giro di lancetta e il successivo passaggio vincente ad Haynes (11 a referto) per il canestro che mette in ghiaccio la vittoria dei lagunari, attesi ora alla prova della nove con la trasferta di Milano di domenica prossima. Tra gli irpini, 19 punti per Logan e 17 per Ragland.

La 25a giornata
Risultati: Consultinvest Pesaro-Vanoli Cremona 63-73, Betaland Capo d’Orlando-Grissin Bon Reggio Emilia 59-62, EA7 Milano-Dolomiti Energia Trentino 76-98, Banco di Sardegna Sassari-Enel Brindisi 79-78, Germani Basket Brescia-Pasta Reggia Caserta 64-62, Fiat Torino-The Flexx Pistoia 91-95 (dts), Mia-Red October Cantù-Openjobmetis Varese 72-85, Umana Reyer Venezia-Sidigas Avellino 78-75.

Classifica: Milano 40; Venezia 34; Avellino, Trentino 30; Reggio Emilia, Capo d'Orlando e Sassari 28; Pistoia, Brindisi e Torino 24; Varese e Brescia 22; Cantù 20; Caserta 18; Cremona e Pesaro 14.


© Riproduzione Riservata

Commenti