Altri sport

Tennis, Internazionali di Roma senza papà Federer?

Proprio nell'edizione pensata per le famiglie possibile forfait dello svizzero per l'arrivo di altri due gemelli. Tante però le novità per il pubblico

Se re Roger Federer per omaggiare il secondo parto della sua Mirka dopo il forfait a Madrid dovesse disertare pure gli Internazionali d’Italia (ha appena parlato di "next weeks" vicino alla sua famiglia), gli organizzatori non potranno prendersela più di tanto. Perché il torneo che prende il via il 10 maggio quest’anno è molto dedicato "a famiglie e bambini", come ha spiegato il responsabile Diego Nepi Molineris, direttore marketing e sviluppo Coni, durante un tour tra i campi alla vigilia della mainfestazione.

Il Foro Italico ha pensato  proprio a un "family tournament" quando ha dato vita al grande prato antistante al campo centrale, allestito al posto degli stand commerciali, spostati lungo il viale che costeggia i campi. E visto che il torneo quest’anno vuole puntare pure sul binomio arte e tennis, c’è anche un laboratorio di artisti contemporanei dove i ragazzini potranno cimentarsi. Una bella sorpresa sono anche i tre nuovi campi di allenamento allestiti ai margini del grande prato: sarà qui che si scalderanno i campioni e per la prima volta gli spettatori potranno ammirararli molto da vicino, praticamente dai vasi di gerani rossi che circondano i campi, senza le barriere né le terrazze che fino all’anno scorso li hanno tenuti a debita distanza.

Mentre si spera in una ripresa di Fabio Fognini, che dopo la brutta finale di Monaco contro lo slovacco Martin Klizan ha perso subito con Dolgopolov a Madrid, le notti al Foro Italico sono già un punto fermo. E molto innovativo, visto che quest’anno scompare per sempre il villaggio vip dove si accedeva con la raccomandazione di pierre amici o gli inviti di sponsor altisonanti: al suo posto, la "Ball room" che deve il suo nome alla grande sfera che sormonta la struttura. Sarà uno spazio 2.0: la location è infatti dotata di ingressi a lettura ottica, varchi elettronici che consentiranno a chi si accrediterà  sulla piattaforma digitale "Ball room social extender" di accedere agli eventi eliminando le vecchie file grazie al codice personale ricevuto sul proprio smartphone. Il braccialetto lasciapassare "di culto" non andrà però completamente in pensione, visto che resterà al braccio  di ragazzi trendsetter chiamati a convogliare al Foro trupponi di ragazzi.

"Abbiamo dato il via alla democratizzazione delle notti tennistiche", ha detto Nepi Molineris, che spera di fare bingo portando Rafael Nadal a bersi un cocktail post match proprio alla "Ball room". Attenzione, però: per la prima volta nella storia degli Internazionali d’Italia quest’anno l’ingresso all’ex villaggio sarà a pagamento (15 euro), con il divertimento - una volta dentro - che sarà assicurato dal rapper Coez, da Andrea Oliva, dj resident dell’Ushuaia di Ibiza, da Giuliano Palma e dal "Power original official party". Un degno contorno allo spettacolo che, dopo le pre-qualificazioni in corso per l'assegnazione anche di due wild card per il tabellone principale, animerà da domenica la terra rossa del Foro Italico. 

© Riproduzione Riservata

Commenti