E' stata tante cose Marta Marzotto. Modella, stilista, figlia di contadini passata dai campi di riso ai salotti più prestigiosi del mondo; ma anche madre di cinque figli (Matteo, Annalisa, Vittorio Emanuele, Maria Diamante e Paola) nonna di 9 nipoti, signora nutrita d'arte e d'amore e icona di uno stile unico declinato nelle sue infinite mise. Impossibile vederla due volte con lo stesso abito, inarrivabile la sconfinata quantità di caftano del suo armadio.

Indossava solo quelli. Caftano invernali, portati sotto la pelliccia e con l'immancabile colbacco di pelo in nuance in testa o estivi: floreali, coloratissimi, abbinati a ventagli preziosi e le lunghe collane con croci, madonne e perle a volontà.

C'è chi la considerava esagerata, chi troppo snob e chi troppo eccentrica, ma lei, col sorriso sulle labbra, non se ne è mai curata.

Nonostante le 85 primavere presenziava sui più importanti red carpet con piglio da vera diva ricordando la musa che è stata per più di 20 anni durante la relazione con Renato Guttuso.

Con le sue ballerine o babucce rasoterra e le mani sempre levate in aria Marta Marzotto rappresentava la dolce vita degi tempi andati, quel divismo novecentesco talmente costruito in ogni dettaglio da sembrare naturale.

Al matrimonio di sua nipote Beatrice Borromeo - la prima a dare la notizia della morte della stilista su Twitter - nonna Marzotto si è presentata braccio a braccio con due baldi giovani lasciando intendere che a lei, del suo quasi secolo di vita, importava poco e che la gioventù, a conti fatti, è molto più interessante della vecchiaia.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

È morta Marta Marzotto

La musa di Renato Guttuso se n'è andata a 85 anni dopo una vita intensa tra moda, amori e salotti

Commenti