Life

Stranezze da star, le manie vip a tavola

Un libro raccoglie le "memorie gastronomiche" dello chef stellato Andrea Mattei che cucina per celebrities di ogni tipo

Lo chef Andrea Mattei

Cosa fanno i vip quando si rilassano dalla "vita da vip"? Oltre a farsi fotografare in barca o in ville faraoniche spesso, ça va sans dire, si ritrovano a cena al ristorante e, di sicuro, la scelta non ricade mai sulla trattoria sotto a casa, ma la preferenza va a ristoranti super stellati. E un menù a prova di celebrities deve essere pronto a soddisfare stranezze, diete e idiosincrasie del caleiodoscopico universo dello showbiz.

Le "stranezze culinarie" dei vip verranno presto compendiate in un volumetto di prossima uscita voluto dal Byron Hotel che raccoglie le "memorie gastronomiche" di Andrea Mattei, chef superstellato de La Magnolia, ristorante dell’Hotel Byron di Forte dei Marmi, del gruppo alberghiero Soft Living Places.

Alcune succulente, è il caso di dirlo, anticipazioni rivelano i gusti dei soliti noti e confermano l'assoluta peculiarità di chi - come Lady Gaga - attorno al personaggio ha creato parte del successo dell'artista. Proprio Lady Germanotta è solita seguire la dieta di Harley Parternak che prevede 5 piccoli pasti al giorno, contenenti solo 5 ingredienti che devono essere consumati in non più di 5 minuti.

 Fortunatamente non tutti sono come lei e alcune star è un piacere servirle. Naomi Campbell, ad esempio, dopo gli anni delle passerelle e la dieta rigida da modella ora si fa scorpacciate di fiorentine abbinate a copiosi bicchieri di vodka.

Niente alcool, invece, per il regista Robert Zemekis che vuole solo vuole l’acqua minerale ricavata direttamente dai depositi artesiani alla profondità di 1.500 metri, mentre Madonna pretende interi piatti di semi di lino.

"Ma non tutti vogliono stranezze a tutti i costi – rivela lo chef Andrea Mattei – per esempio il sultano dell’Oman, Quabis Bin Sa, si accontenta anche di semplicissimi ravioli alla ricotta preparati con la nostra pasta fresca". 

Champagne a fiumi, cene faraoniche, camerieri attenti e riverenti per star che fanno tendenza e che con la loro approvazione possono contribuire al successo di un locale. Se, però, per i red carpet e i flash dei fotografi potenti, ricconi e celebrities sono impeccabili e sfoggiano look da urlo, quando la cena è privata e a tavola ci si siede con la famiglia l'outfit è decisamente più informale come rivela sempre Mattei.

"Attori, modelle e personaggi celebri ne capitano spesso da noi - spiega -  però quando sono qui sono molto semplici, con la t-shirt, le ciabatte e gli shorts, che quasi non li riconosci. Chi ha particolari esigenze per quanto riguarda il fisico, ci chiede una cucina povera di grassi e quanto più leggera possibile. Naomi Campbell, invece, adora mangiare la fiorentina e bere vodka, che sul suo tavolo appartato e nella zona più buia del ristorante, non deve mai mancare; Daniel Craig e Robert Zemekis invece non hanno problemi e cenano in sala insieme agli altri ospiti, l’unica peculiarità del regista americano è l’acqua. L’ultima volta che ha soggiornato in hotel, infatti, ha voluto bere solo la sua preferita, la Fiji (acqua ricavata dai depositi artesiani alla profondità di 1500 metri), che abbiamo dovuto fargli trovare in tavola.

 Tra fissazioni legate alle diete, esigenze particolari e voglia di buona tavola la parola d'ordine, specie d'estate è leggerezza e prodotti del territorio. L'estate del 2013 sarà quella che passerà alla storia come la stagione dei crostacei e delle zucchine, servite in tutte le salse, dall'antipasto al dolce. "Le zucchine - spiega lo chef - nel nostro ristorante non mancano mai perché riusciamo ad averle a km 0, da un’azienda agricola che lavora per noi con ortaggi biologici. La nostra peculiarità è che riusciamo a lavorarle in ogni modo, dall’antipasto fino quasi al dolce. Un esempio potrebbe essere un’insalata di zucchine cotte a freddo, quindi leggerissime, con ricotta di pecora e olive taggiasche. I nostri clienti famosi, infatti, più che altro chiedono cibi "nature", nel senso che preferiscono piatti non molto pesanti, come il crudo di pesce e i crostacei o fresche insalate di frutta e verdura”   

E i clienti vip del Byron sono in buona compagnia visto le star a tavola ne fanno di tutti i colori: Madonna, per esempio, è molto attenta alla sua alimentazione e non rinuncia mai a mangiare semi di lino, molto ricchi di Omega 3 e con proprietà snellenti. Altra "fissata" con la cucina sana è la ex posh spice Victoria Beckham che mangia solo cibi con un ph superiore a 7, come legumi, frutta e prodotti ricchi di ferro, magnesio, calcio e zinco. La stessa alimentazione è apprezzata anche da star cinematografiche del calibro di Jennifer Aniston e Kirsten Dunst.

In fatto di stravaganze non è da meno Cristina Aguilera, ormai più celebre per le sue forme che per la sua carriera da cantante, che segue la dieta dei 7 colori. Il suo regime alimentare prevede che durante i diversi giorni della settimana possa mangiare solo cibi di un determinato colore, quindi la domenica solo cibi bianchi, lunedì solo cibi rossi e così via.

E dato che spesso i vip al ristorante ci vanno con i figli al seguito si scopre che anche la prole delle celebrities in fatto di stranezze non è da menoLuca Landi chef del ristorante stellato Lunasia del Green Park Resort di Tirrenia e vincitore del campionato mondiale dei gelatai con la squadra italiana, infatti rivela: "I bambini dei vip, come Suri Cruise, Apple, la figlia di Gwyneth Paltrow, e i piccoli Beckham, vanno tutti pazzi per il gelato salato: è l’unico modo per riuscire a farli stare tranquilli a tavola".

© Riproduzione Riservata

Commenti