Gossip

Sara Tommasi malata di sesso? Il parere dell'esperto

Dai siparietti hot al film porno la soubrette continua a far parlare di sè, ma forse dietro a questa 'esuberanza' c'è dell'altro

Sara Tommasi in un fermo immagine del film

L'ultima in ordine di tempo è la notizia della 'fuga' dall'autogrill a bordo del camion di uno sconosciuto per scappare da uno spettacolo hard in locandina al Teatro Excelsior di Campi Bisenzio . Sara Tommasi non sta bene. Nè da un punto di vista fisico nè da uno mentale. Lo dice il manager e produttore Federico De Vincenzo, ma lo confermano le infinite notizie che arrivano dall'enturage della ragazza.

Da focosa laureata alla Bocconi la show girl si è trasformata in una mina vagante (innanzitutto per se stessa). Prima gli spogliarelli hot sulla pubblica piazza per denunciare il signoraggio bancario, poi i siparietti a luci rosse nei ristoranti e nei locali notturni, le interviste con strip tease e infine il famigerato film hard in uscita con tanto di anticipazioni, foto e trailer hot.

Che Sara Tommasi e il sesso abbiano qualche problema è palese, ma per capire di che patologia si stia parlando (se di patologia si tratta) ci vorrebbe una diagnosi medica complessa e dettagliata. "Per comprendere se quella della Tommasi sia una sex addiction, una bulimia sessuale o una semplice scelta di vita bisognerebbe avere un quadro clinico della pazione che io non ho - dichiara a Panorama.it la Dottoressa Margherita Napoli, sessuologa vicepresidente di Arpes -  Innanzitutto perchè un paziente possa dirsi malato è necessario che ci sia una diagnosi conseguente all'ammissione di un problema e alla richiesta d'aiuto. Dopo di che bisogna guardare la persona in un'ottica complessiva e capire se e da dove deriva l'ossessione per il sesso."

Qual'è la differenza tra bulimia sessuale e sex addiction?

"La dipendenza da sesso o Sex Addiction colpisce prevalentemente i maschi. La dipendenza sessuale è una relazione disturbata e distorta con il sesso, attraverso la quale la persona  cerca di alleviare lo stress evitando sentimenti dolorosi e fuggendo da relazioni intime di fronte alle quali emerge una profonda inadeguatezza nella capacità di gestirle. Il dipendente dal sesso ha una grave difficoltà a vivere il sesso naturalmente, come una relazione intima con uno scambio di piacere. La relazione è invece di tipo ossessivo: rapporti sessuali con prostitute o con persone anonime, esibizionismo, acquisto di materiale pornografico, utilizzo di servizi erotici telefonici o su internet, masturbazione in modo ossessivo. La compromissione di una vita di relazione sana è molto rilevante, ma sono importanti anche gli effetti sui processi mentali: l’intrusione di pensieri e fantasie non volute può ostacolare la vigilanza, impedire la concentrazione su una normale occupazione.

Invece la bulimia sessuale è la compulsione a cercare incontri sessuali per mettere a tacere un'angoscia di fondo che non si riesce ad affrontare sul piano psicologico. Pensi a quello che fanno le donne bulimiche: mangiano e vomitano senza sentire il gusto di nulla. Immagini la stessa cosa per la bulimia sessuale: faccio sesso e poi accantono il partnter, lo butto simbolicamente via con un senso quasi di repulsione. Per capire, nel caso specifico, se siamo di fronte ad una donna 'moderna' o ad una donna malata bisognerebbe comprendere come questa persona si sente dopo aver compiuto l'atto.."

A quanto pare non bene visto che la Tommasi ha dichiarato di aver visto gli alieni sul set, di essere stata drogata e ha scritto una lettera chiedendo che non venga diffuso il video porno. Qualcuno dice che potrebbe tentare il suicidio e la madre chiede che la figlia venga ricoverata in una struttura che aiuti le dipendenze da sesso.

Si possono curare queste dipendenze?

"Quando  la donna arriva a capire che c'è un problema di relazione nei comportamenti sessuali che attua è già a buon punto. Il lavoro della specialista punta ad indagare quando e dove qualcosa si è rotto nel modo di relazionarsi all'altro sesso.  Bisogna comprendere che cosa ci sia dietro al suo 'stile di attaccamento'. Le donne che hanno comporamenti sessuali ossessivi di solito hanno avuto mamme anaffettive o comunque assenti. Cercano nel proprio compagno quell'amore a affetto  che non hanno avuto all'origine. C'è sempre uno 'stile d'attaccamento sbagliato' con la madre quando c'è un comportamento sessuale ossessivo...è la mamma che ci fornisce il nutrimento; è lei la prima figura che ci ha dato amore e se qualcosa si spezza in quell'equilibrio è facile che insorga una patologia.

Nel caso della signora Tommasi non so se siamo nella patologia o se si cerca di fare notizia a tutti i costi...se questa persona è davvero malata allora ci vuole una diagnosi che io ovviamente non posso fornire. Potrebbe trattarsi di un esordio psicotico ma è necessario chiedere aiuto e farsi vedere da uno specialista per mettere a fuoco il problema. Ci sono delle difficoltà con le quali si convive bene, che sono difficili da riconoscere. Si pensi all'anoressia. Un'anoressica sta bene con se stessa. Si fa fatica a far comprendere a certe pazienti che esiste un problema. Però magari lo vedono gli altri e ti possono aiutare. Ci vuole qualcuno che ti prenda per mano e ti porti in terapia perchè comunque da queste relazioni sbagliate con tanto lavoro si può uscire se c'è la volontà."

© Riproduzione Riservata

Commenti