Politica

Taglio di Imu e Tasi nel 2016: la Ue contro Renzi

Da Bruxelles voci contrarie all'iniziativa del Governo. Il premier taglia corto: "Le tasse da tagliare le decidiamo noi"

Matteo_renzi

Il Presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi – Credits: ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images

"Le tasse che tagliamo le decidiamo noi". Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, risponde così alle fonti Ue che si sono dette contrarie alla cancellazione di Imu e Tasi annunciata dal premier per il prossimo anno. "Un'Europa che si gira dall'altra parte quando ci sono i barconi pensa di venirci a spiegare cosa fare sulle tasse? Cioè, c'è qualcuno a Bruxelles che, mentre l'Italia è sostanzialmente sola a salvare vite umane e la dignità non solo dell'Italia ma    dell'Europa, pensa di fare l'elenco delle tasse che dobbiamo tagliare o non tagliare? Spero sia stato il caldo, probabilmente c'era caldo a Bruxelles e noi non lo sapevamo".

LEGGI ANCHE: Abolire Imu e Tasi, ecco quanto ci costa LEGGI ANCHE: Le città dove si risparmierà di più


Ma Renzi non si è fermato qui e ha aggiunto anche una nota polemica sull'anonimato delle fonti Ue: "Questo modo di procedere con le dichiarazioni affidate a una fonte dell'Unione europea... mettessero nome e cognome". E rivolgendosi agli italiani ha dichiarato: "Segnatevi la data del 16 dicembre, che è l'ultima scadenza, la seconda rata, dell'Imu e della Tasi. Quello è il funerale della tassa sulla prima casa. Sarà l'ultima volta in cui gli italiani pagheranno la tassa sulla casa, punto. Questo lo decidiamo noi, non Bruxelles".

Il premier ha quindi confermato la tabella di marcia della riduzione delle tasse decisa dal Governo: "Il prossimo anno, con la legge di Stabilità che faremo nel 2016 e che entrerà in vigore nel 2017, faremo la riduzione dell'Ires, cioè la tassa sulle aziende, e nel 2018 agiremo sugli scaglioni Irpef. Sono cinque anni di riduzione costante di tasse. Ci siamo fatti un gran mazzo a trovare le coperture, ora figuriamoci se ci mettiamo a discutere con qualcuno che a    Bruxelles quando c'è da parlare di immigrazione sono in ferie e quando c'è da parlare di tasse si svegliano tutti insieme. Ora - ha concluso - le tasse le abbassiamo da soli, grazie".

Il controllo della Commissione Ue

Dopo le dichiarazioni di Renzi si è fatta sentire la portavoce della Commissione Europea Annika Breidthardt: "Le valutazioni della Commissione europea sulle decisioni che il governo italiano prenderà sul taglio delle tasse sulla casa saranno fatte quando ci saranno i dettagli e la formalizzazione della bozza del bilancio 2016" ha osservato. "Siamo consapevole degli annunci, ma non abbiamo altre informazioni e le aspettiamo entro metà ottobre per procedere a una valutazione.

Salvini e il teatrino di Renzi

"È un teatrino. Renzi è cameriere di quello che decidono Merkel e Bruxelles, finge di litigare in realtà fa quello che la Lega e il centrodestra hanno fatto quando erano al governo e cioè toglie le tasse sulla prima casa, però ci ridicolizza il mondo interno perchè è incapace di gestire il problema dell'immigrazione". Così il segretario della Lega Nord Matteo Salvini a proposito delle polemiche tra Italia e Bruxelles sul taglio delle tasse alla prima casa.

A chi gli chiede se la Lega sia disponibile a votare il provvedimento, il leader del Carroccio risponde: "ovvio, ogni tasse ch salta è una buona notizia per gli italiani. Se fossimo noi al governo faremmo molto di più".

© Riproduzione Riservata

Commenti