Politica

Prescrizione e corruzione: perché la maggioranza si è divisa

Il testo allunga i termini dei reati di corruzione fino a 18 anni. Termini che non sono piaciuti a AP, FI e i grillini che vogliono "leggi più severe"

L'aula della Camera dei deputati – Credits: ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images

La maggioranza si è spaccata, alla Camera, sul ddl sulla prescrizione. Mentre è rimasta divisa e ferma, al Senato, sulla corruzione.

Alla Camera

Il testo di riforma della prescrizione, esaminato ieri in Commissione giustizia, che allunga della metà i termini per i reati di corruzione, fino ad arrivare a 18 anni, non è piaciuto ad Alleanza popolare, vale a dire Udc ed Ncd. Sono tempi "inammissibili per un paese civile", la linea di Ap, e così, con Forza Italia, volta le spalle e vota contro. Per nulla soddisfatti anche i grillini che si dicono "indignati". I loro emendamenti sono stati tutti bocciati "dal Pd che ha fatto vincere FI e Ncd". Ammettono, i M5S, che l'allungamento "è un passo in avanti", ma vogliono "ben altro, leggi più severe".

E così anche loro voltano le spalle se pur scegliendo la strada dell'astensione. Una spaccatura che, per la maggioranza, si registra anche al Senato, dove slitta l'esame del Ddl e, soprattutto, dove ci si è fermati sull'emendamento per il falso in bilancio che in tanti, dalle imprese alla politica, non sembrano volere fino in fondo. Da qui, lo stallo e il rimando dell'esame, che da tempo era previsto per oggi, alla settimana dal 17 al 19 marzo.

Un rinvio che, secondo fonti Dem, sarebbe determinato anche dal fatto che si attenderebbe la formulazione definitiva del decreto legislativo sulla tenuità del fatto a cui l'emendamento dovrebbe fare riferimento. Il ministro della Giustizia prova a tranquillizzare Ap. "L'esame del provvedimento è solo all'inizio, ma va salvaguardata una specificità dei termini di prescrizione per i reati di corruzione", avverte il Guardasigilli Andrea Orlando. Ma, intanto, la frattura c'è. E non è un caso se al termine della Commissione, il viceministro della Giustizia, Enrico Costa, Ncd, dica che "il testo in Aula avrà dei correttivi". "L'aumento della prescrizione si allunga fino a due anni dal primo al secondo grado e di un anno dal secondo grado fino alla Cassazione, insomma si puo' allungare fino a tre anni. Non ditemi che non è una conquista", quasi sbotta la relatrice Sofia Ammoddio (Pd) al termine della Commissione quando chiaro e tondo dice che "gli emendamenti del governo sono passati con la riformulazione" e che semplicemente "FI e Ap non hanno voluto l'aumento per la corruzione".

C'è poi la novità della sospensione, spiega la Ammoddio, visto che si sospende il decorso dei termini di prescrizione a partire da qualunque sentenza di condanna non definitiva, fino a due anni, e per tutti i reati. Oggi l'esame della Commissione si è concluso e dopo i passaggi di rito, il testo arriverà in aula il 16 marzo.

Al Senato

Fermi tutti, invece, al Senato, sull'emendamento sul falso in bilancio che non è arrivato in Commissione "mentre è stato dato alla stampa" cosa che ha fatto andare su tutte le furie FI, M5S, ma anche lo stesso capogruppo Pd in Commissione, Giuseppe Lumia. Le pressioni sono tante, gli interessi altrettanti e nessuno sembra avere interesse ad andare avanti. L'emendamento sul falso in bilancio è ora direttamente allo studio di Renzi, Boschi, Poletti e Guidi. Ci sono gli interessi delle imprese, che temono. E ci sono anche altri timori, come quelli del Pd per i propri componenti della Commissione giustizia al Senato che potrebbero votare in difformità dalla linea del partito. E non e' casuale anche un altro dettaglio della giornata di oggi: il no dei senatori alla richiesta del presidente della commissione Giustizia, Nitto Palma, e del capogruppo FI Romani di inserire nel calendario la formula "ove concluso in commissione". Il che significa che il ddl potra' arrivare in Aula anche senza che i commissari abbiano concluso il proprio lavoro.

(ANSA)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Lotta alla corruzione in 4 punti

Pene più severe, patteggiamento più difficile, confische e sequestri di beni, prescrizione più lunga: questo il ddl anticorruzione del Governo Renzi

Commenti