Da ieri, anzi dallo scorso 20 gennaio, il movimento ideologico che sta prendendo forma e concretezza in tutta Europa dietro l'insegna di souverainisme - o sovranismo, nella cacofonica tradizione italiana - ha un nuovo leader carismatico.

Curiosamente, questo sovrano nomen omen e in pectore, "regna" al di fuori dei confini del Vecchio Continente, con una leadership mondiale di stampo populista, nazionalista e anti-globalizzazione.

Il sovrano del sovranismo (anti)globale
Stiamo, ovviamente, parlando di Donald Trump, che  ha fatto del sovranismo una propria bamdiera già dai tempi della Brexit, per poi rincarare la dose con i primi decreti emanati all'indomani dalla sua elezione. La conseguenza immediata è stato l'emergere di una serie di assi virtuali con gli esponenti di altri Paesi d'Europa che fanno della difesa a oltranza e dell'autodeterminazione dello stato nazionale, il loro principale strumento di propulsione politica.

La genesi del neologismo e di tutto ciò che gli sottendende è di stampo francese, e attraversa un bel pezzo della sua storia, che parte dalla Rivoluzione e arriva fino al Front National di Marine le Pen, passando per De Gaulle.

- LEGGI ANCHE: Donald Trump, le prime mosse e provvedimenti
- LEGGI ANCHE: Brexit, il ciclone che ha travolto l'Europa
- LEGGI ANCHE: Marine Le Pen e il fallimento del modello di integrazione

Sia a destra che a sinistra
Fuori dai confini transalpini, ha assunto una conformazione di successo nel movimento indipendentista appggiato di Farage, che ha promosso (e ottenuto, seppure con riserva) l'uscita della Gran Bretagna dall'Eurozona, seducendo anche i grillini; per poi dipanarsi con differenti connotazioni, a seconda di dove l'etichetta è stata applicata, a destra, vedi la conversione leghista e le due neo-formazioni nostrane La Destra e Azione nazionale, come a sinistra, come nel caso del movimento Diem 25 dell'ex ministro delle finanze greche Yanis Varoufakis. E siamo solo agli inizi, come dimostreranno le campagne elettoriali di quest'anno, nelle quali sovranesimo sarà un motivo conduttore trasversale.

- LEGGI ANCHE: Chi è Nigel Farage, il leader indipendentista britannico

Tornando all'Europa, l'avanzata sovranista farà sentire i suoi effetti più che nei singoli Stati nella loro entità sovranazionale, che mai come di questi tempi attraversa una crisi strutturale e identitaria, intrinseca e nei confronti degli stessi Stati che rappresenta, sia economica che politica, culturale e sociale.

Con buona pace del Sovranista d'Oltreoceano.

© Riproduzione Riservata

Commenti