Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Esteri

Mc Donald's cede ai vegetariani indiani. Aprendo i primi fast food senza Big Mac

Il re dei panini ipercalorici abbandona i suoi piatti più classici per fare spazio a nuove ricette "senza carne"

(Credits: AP Photo/Eric Risberg)

Quando in ballo ci sono, potenzialmente, decine di milioni di euro di incassi, i compromessi diventano subito facili da raggiungere. E così, per denaro e ancora di più in tempi di crisi, anche la grande M, simbolo di un'America appassionata di carne di manzo e vitello, decide di adeguarsi alle esigenze di una popolazione per cui le mucche, insieme a tanti altri animali, sono sacre. Aprendo in India i suoi primi fast food vegetariani.

Il primo verrà inaugurato a metà 2013 ad Amritsar, nel Punjab. Il secondo qualche mese dopo a Katra, nel Jammu-Kashmir. Per far sopravvivere il marchio in ogni angolo del pianeta, quindi, il franchising da sempre associato a Big Mac e patatine fritte è stato costretto a cambiare volto.

In realtà i punti vendita vegetariani sono forse solo l'ultima trovata in una strategia "indiana" che i manager di Oak Brook, nell'Illinois, hanno iniziato a pianificare più di dieci anni fa. Non senza intoppi. Nel 2002 gli indiani vinsero negli Stati Uniti una causa di dieci milioni di dollari contro il re dei panini ipercalorici. L'accusa? Aver pubblicizzato le sue patatine come alimento vegetariano quando invece in una delle fasi di cottura vengono immerse in un agente aromatizzante a basa di grasso di bue.

Esperienza che spinse l'azienda non ad abbandonare l'India, ma a fare più attenzione ai prodotti venduti dai propri fast food in loco. Dove comparvero prima una serie di menù vegetariani, tra cui il più gustoso è forse il McSpicy Paneer. Poi fu la volta del Maharaja Mac, un panino a base di carne di pollo. Infine quest'ultima iniziativa di aprire punti vendita in luogi turistici molto frequentati. Nella consapevolezza che i prezzi di McDonald, anche in India, sono accessibili a molti. E i profitti per l'azienda assicurati.

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>