Politica

Il trionfo di Renzi a Largo del Nazareno

Nella sede Pd euforia e sorrisi. E' il trionfo dei renziani e la fine della vecchia guardia. Il racconto di una nottata di festa

Il segretario del Pd e premier Matteo Renzi – Credits: ANSA/CLAUDIO ONORATI

twitter.png

Beppe Grillo e' l'ultima vittima della rottamazione di Matteo Renzi che a queste europee asfalta il Movimento 5 Stelle. I risultati che in queste ore rimbalzano sugli schermi vanno ben oltre i sondaggi che venerdì scorso avevano consegnato al Segretario dove il Pd staccava M5S di 5-7 punti percentuali.

Le proiezioni invece parlano di una forbice di venti punti, "di un risultato straordinario" ha commentato in prima battuta il vice presidente del Pd, Deborah Serracchiani circa mezz'ora dopo la chiusura delle urne, mentre Matteo Renzi e' ancora a Palazzo Chigi e ha lasciato i commenti ai suoi. In sala stampa fa capolino ogni tanto nomfup, ovvero il Capo ufficio stampa Filippo Sensi e gli altri membri della segreteria. Non mostrano troppo entusiasmo, sembrano storditi da un risultato così netto dopo una serie di cadute rovinose. Intanto, sui social e sulle agenzie i membri del Pd che mostrano entusiasmo verso questo risultato cominciano a moltiplicarsi.

La sala stampa allestita al Pd comincia a popolarsi e i personaggi del Pd rimbalzano da un collegamento all'altro. Roberta Pinotti, Maria Elena Boschi, Ernesto Carbone tutti a ripetere che si tratta di una vittoria straordinaria per il Pd. Lorenzo Guerini che aveva partecipato alla compilazione delle liste per queste europee ha definito i dati come la "consacrazione di Renzi com'e leader importante a livello nazionale e a livello internazionale".

All'una Renzi e' arrivato al Pd e per adesso festeggia insieme al suo staff prima di farsi celebrare come l'eroe che ha portato il partito ad essere il primo gruppo all'interno del Pse e uno dei pochi premier confermati in queste europee insieme ad Angela Merkel. 

Ha vinto la speranza sulla paura per dirla come molte volte ha fatto Matteo Renzi in questa campagna elettorale ed intanto su Twitter #vinciamonoi e' diventato #vinciamopoi.

23:00  Matteo Renzi e' a Palazzo Chigi, i big del Pd Deborah Serracchiani, Lorenzo Guerini, Luca Lotti e Maria Elena Boschi sono chiusi degli uffici del Nazareno. Circolano voci di un sondaggio interno: Pd a 33%, Grillo 31%

23:40  . Escono i primi exit poll. Il Pd sarebbe al 35%. Un primo punto stampa e' affidato al vicesegretario Deborah Serracchiani che parla di un "Risultato straordinario che ci consegna grande responsabilita'. A parte quello tedesco, sarebbe l'unico governo che tiene in un contesto europeo complicato e difficile" - e aggiunge - "risultati che stanno arrivando dai seggi sono molto impegnativi. Mi pare che il lavoro impostato" dal Governo "sia chiarissimo, andiamo avanti spediti sulle riforme, per presentarci in Europa con una spinta evidente superiore alle aspettative per impostare un lavoro di lunga durata".

00:00  Ad un'ora dalla chiusura dei seggi si può fare affidamento solo sugli exit poll anche perché al Viminale sono arrivati i risultati di 19 sezioni su 61.592 in cui il Pd si attesta al 42,96~ il Movimento 5 Stelle a 17,88% e Forza Italia al 14,65%. 

00:10  A Sant'Andrea delle Fratte e' gia ora di ringrazianti.  Stavolta a salire nella sala stampa e' il Ministro per le Riforme Maria Elena Boschi che dichiara "Aspettiamo con grande serenita' i dati, se confermati e' un risultato storico, dati che sembrano dare un segnale chiaro di fiducia a questo governo e al Pd. Noi avvisiamo la responsabilita' di tutta questa fiducia e continueremo a lavorare con umiltà . Un  grazie ai militanti e ai volontari che in questi mesi hanno lavorato".

00:30  Matteo Renzi arriva al Pd

© Riproduzione Riservata

Commenti