Politica

Le 8 battaglie di Matteo Renzi

Ecco le grosse sfide che attendono il neo segretario del Pd - L'opinione di G. Mulè - Le promesse di Renzi - Renzi e lo stile

Il neo segretario del Pd, Matteo Renzi – Credits:  ANSA/ ANGELO CARCONI

Il tempo dei festeggiamenti per il neo segretario del Pd Matteo Renzi è durato poco. Ecco le grosse sfide che lo attendono fin da subito 

1 - La ristrutturazione del Pd

No problem, il fedelissimo Luca Lotti ha in pugno l’organizzazione: via forum e dipartimenti, alleggerimento dell’apparato, riduzione delle spese. Possibile l’addio alla (troppo costosa) sede di via del Nazareno per traslocare in via Tomacelli.

2 - Ricontrattazione degli accordi con l’Unione

Non è materia su cui il segretario del Pd possa intervenire direttamente. La palla è in mano al governo, e dunque a Enrico Letta, che incasserebbe ogni eventuale gloria in proposito.

3 - Riforma elettorale

Di elezione del sindaco d’Italia, tutela del bipolarismo, doppio turno, i grillini non vogliono nemmeno sentir parlare; idem Forza Italia. L’unica (cauta) apertura è venuta da Angelino Alfano. Ergo: mancano i numeri.

4 - Trasformazione del Senato in una camera (non elettiva) delle regioni

A parole tutti, nel Pd e fuori, sono d’accordo, ma le riforme costituzionali hanno tempi lunghi. Forza Italia potrebbe confermare il votoper ridurre i tempi per le riforme alla Costituzione, salvando il risultato.

5 - Taglio delle spese della politica

Dal dimezzamento delle indennità parlamentari all’abolizione delle province, alla semplificazione burocratica: qui è più facile fare asse coi grillini e passare subito all’incasso. La partita delle riforme istituzionali
è in mano a un’altra renziana doc: Maria Elena Boschi

6 - Riforma della giustizia

Nel programma renziano il Pd deve proporre «progetti» da esaminare con circoli, amministratori, parlamentari. Traduzione: non abbiamo troppa fretta. Oltretutto, bisognerebbe discutere alcune storiche richieste di Berlusconi come la separazione delle carriere per i magistrati. Ma il popolo del Pd (renzianamente: «partito della legalità») accetterebbe un’alleanza col Cavaliere condannato e decaduto?

7 - Semplificazione del mercato del lavoro

Include valorizzazione e rilancio dei centri per l’impiego, ripensamento del ruolo dei sindacati e riforma della rappresentanza. Vorrebbe dire rompere col mondo sindacale, Cgil in testa; e già i rapporti con Susanna Camusso non sono lietissimi. Renzi e il Pd si possono permettere uno strappo?

8 - Civil partnership per gay e lesbiche

Dal Pd a Sel, da M5s a un pezzo di Forza Italia (asse Bondi-Galan), in Parlamento c’è una sensibilità trasversale sul riconoscimento delle omocoppie. Una legge sarebbe a portata di mano, ma finora Renzi, cattolico ed ex scout, ha fatto il pesce in barile.

© Riproduzione Riservata

Commenti