Esteri

Tra 5 anni via al riconoscimento facciale

Il New York Times racconta di questa rete di telecamere e computer che ci renderanno riconoscibili a 100 metri di distanza

La sede dell'Nsa, la National Security Agency, a Washington (Credits: EPA/JIM LO SCALZO)

Il suo nome è BOSS (Biometric Optical Surveillance System). Il suo compito? Dare un nome ad un volto. Fantascienza? No, realtà, tra 5 anni. Il New York Times (leggi qui l'articolo ) infatti ha illustrato i progressi ed i dettagli del programma voluto, per motivi di sicurezza, dal governo americano e partito nel 2010.

Lo scopo era quello di riuscire ad individuare nel mezzo della folla o del nulla un pericoloso terrorista o un semplice ricercato comune.

Ma come funziona il BOSS? Il sistema di fatto si avvale delle immagini di tette le migliaia di telecamere di sicurezza che ormai riempiono le città degli Stati Uniti (come le nostre), le raccoglie e le elabora grazie ad un software a dir poco complesso che la confronta con quelle presenti nei database. In pochi secondi, se si è presenti nella lista nera, ecco che si viene identificati.

Il sistema è stato testato in partite di football allo stadio ma in maniera più specifica in un paesino degli States dove numerosi abitanti hanno dato il loro consenso per l'identificazione.

Ma c'è addirittura chi teme la complicità nel progetto BOSS persino di facebook. Quando viene chiesto agli utenti di identificare da una foto questo o quell'amico si fornisce di fatto la sua identità. Un bacino d'utenza di centinaia di milioni di persone che saranno riconoscibili dal BOSS, loro malgrado.

© Riproduzione Riservata

Commenti