Esteri

Renzi, fiori sul ponte dove è morto Nemtsov

Prima di incontrare Putin il premier ha voluto rendere omaggio all'oppositore freddato a due passi dal Cremlino

 

Matteo Renzi ha portato un mazzo di cinque garofani rosa sul luogo dell’omicidio del l’oppositore russo Boris Nemtsov sul ponte Bolshoi Moskvorecki a Mosca. Accompagnato dall’ambasciatore italiano Cesare Maria Ragaglini, ha sostato in silenzio per alcuni secondi davanti al mucchio di fiori che giace dove si assiste a un pellegrinaggio dei moscoviti da sabato, giorno dell’assassinio del dissidente. La visita diplomatica a Mosca, all'indomani dell'incontro a Kiev col presidente ucraino Petro Poroshenko, prevede una serie di incontri istituzionali, prima con il premier russo Dmitrij Medvedev e infine con il presidente Vladimir Putin. Al centro del faccia a faccia col leader russo, la crisi ucraina, la guerra del gas e il ruolo mediatorio che potrebbe assumere Mosca nelle guerre in Libia e Siria.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Chi ha ucciso Boris Nemtsov (e perché)

Gli oppositori puntano il dito contro la propaganda ossessiva del regime che avrebbe spinto qualche estremista a punire una "quinta colonna" che minacciava la "patria assediata dagli stranieri"

Commenti