Iraq: i soldati Usa nella roccaforte dell'Isis

Truppe speciali sono state mandate nella provincia di Anbar, dove gli americani hanno combattuto le più sanguinose battaglie della guerra del 2003

usa obama iraq

Soldati Usa in Iraq – Credits: Getty Imagines/ Spencer Platt

Anbar si trova nel sud ovest dell'Iraq. Non è un luogo che gli americani ricordano con piacere.  Nella guerra iniziata nel 2003 e finita otto anni dopo in quella provincia è stato ucciso il maggior numero di militari Usa 1.335 soldati, un terzo dei caduti in territorio iracheno.

Ramadi e Fallujah sono le principali città. Per gli americani sono i nomi di due delle più importanti battaglie combattute nello scorso decennio. La lotta contro i partigiani di Saddam, contro i guerriglieri sunniti e i terroristi di Al Qaeda, aveva come teatro il groviglio di stradine e di cunicoli di quei centri abitati e le polverose e lunghe arterie sulle quali sfrecciavano per evitare gli agguati i mezzi militari con la bandiera a stelle e strisce. 

 

Dopo il ritiro del 2011, pochi pensavano di tornarci. E, invece la Storia ha deciso altrimenti. L'Isis ha bussato alla porta.  Nonostante la riluttanza di Obama, i marines tornano ad Anbar. Cinquanta soldati americani sono stati inviati nella base aerea di Asad, il quartier generale della settima divisione di fanteria dell'esercito iracheno.

Il loro compito sarà quello di addestrare i soldati nella guerra contro l'Isis. Fanno parte del contingente di 1.500 soldati che la Casa Bianca ha deciso di inviare in Iraq come consiglieri dell'esercito di Baghdad. Una piccola svolta nella strategia di guerra contro l'esercito del Califfato. Obama era contrario a mandare truppe di terra. I suoi generali hanno insistito: non si può vincere il conflitto solo con i bombardamenti aerei. Alla fine hanno ottenuto di mandare qualche migliaia di soldati sul terreno.

In teoria, non dovrebbero scontrarsi con i miliziani dell'Isis. È facile che invece questo avvenga. È probabile che vengano utilizzati per gli elicotteri Apache che sono atterrati da tempo nella base; è possibile che facciano delle incursioni nelle postazioni del nemico. Secondo alcune notizie, la base sarebbe circondata dai miliziani dell'Isis.

Il loro impiego segna un salto di qualità nella guerra americana contro il Califfato. I 1.500 soldati verrano divisi in diverse parti dell'Iraq. Non saranno concentrati solo a Baghdad, come è avvenuto per i primi 200 soldati inviati nella scorsa estate, ma andranno a rinforzare le formazioni dell'esercito iracheno che combattono contro l'Isis.

È probabile che questo sia solo il primo contingente. Nelle prossime settimane è possibile che altri soldati vengano inviati. Un'escalation? Sarà così se le sorti della guerra lo richiederanno. Gli americani tornano a combattere in Iraq, nei luoghi dove hanno perduto decine di soldati. I nomi di Ramadi e Fallujah rischiano di tornare ad essere tristemente famosi.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La prima guerra di Barack Obama

Il presidente ha tenuto il discorso alla nazione e ha annunciato che i raid aerei contro l'Isis verranno condotti anche in Siria

Mc Jihad: il doppio fronte di Obama

Sono due le sfide che il presidente degli Stati Uniti deve affrontare: la prima è quella del salario minimo dei lavoratori dei fast food, la seconda sono le minacce dell’Isis. Entrambe mettono in discussione la sua leadership. Dentro e fuori i confini dell’America

Isis e Al Qaeda, alleanza contro Obama

Di fronte alla decisione di Washington di bombardare le postazioni ribelli in Siria, i due gruppi islamisti stanno inaugurando forme inedite di cooperazione

Paul Krugman: io difendo Obama

Un tempo era stato molto critico con il presidente: ora però il premio Nobel per l'economia elenca i successi di Barack

Commenti