Esteri

Il jihadista australiano che progettava attentati in patria ed è morto in Iraq

Un diciottenne di Melbourne aveva tentato di far esplodere alcuni ordigni in città. Poi è partito per diventare martire della "guerra santa"

Schermata 2015-03-13 a 10.35.14

Jake Bilardi in una foto da Twitter

Il jihadista diciottenne australiano Jake Bilardi stava preparando attacchi terroristici in caffè e centri commerciali di Melbourne con bombe, coltelli e granate lo scorso anno, prima di cambiare idea e volare in Iraq, dove si ritiene si sia fatto esplodere giorni fa in una missione suicida dell'Isis.

Il governo australiano ha chiesto un briefing urgente dalle agenzie di sicurezza nazionale e delle forze dell'ordine, dopo che la polizia ha perquisito la sua casa di Melbourne scoprendo sostanze chimiche utilizzabili per costruire un congegno esplosivo, dopo che il giovane aveva lasciato il paese. Secondo notizie da social media dell'Isis, non confermate, Bilardi è rimasto ucciso in una campagna coordinata di 21 missioni suicide nella città irachena di Ramadi, in cui molti degli attacchi sono stati sferrati da combattenti stranieri.

 

Le autorità australiane non erano consapevoli della pericolosa radicalizzazione del ragazzo, se non dopo la sua partenza per l'Iraq lo scorso agosto. Due mesi dopo, il ministro degli Esteri Julie Bishop ha annullato il suo passaporto. "Le autorità australiane avevano ragione di tenerlo sotto sorveglianza ma da quando aveva raggiunto l'Isis in Iraq e in Siria è diventato molto difficile seguirne i movimenti", ha detto il ministro, che ha descritto i combattenti stranieri in Siria e Iraq "la più alta priorita' di sicurezza nazionale", per il timore che tornino in patria e cerchino di lanciare attacchi.

La rivelazione sull'estensione dei preparativi da parte di Biliardi di attacchi terroristici su suolo australiano è venuta da un suo manifesto online di 4.400 parole apparentemente scritto in gennaio, mentre aspettava in Iraq di compiere la sua missione. Il ragazzo l'aveva chiamato "piano B", concepito dopo aver tentato senza successo di recarsi in Siria l'anno prima. Il piano prevedeva "lanciare una serie di attacchi con bombe attraverso Melbourne, mirati a consolati stranieri e obiettivi politici e militari, oltre ad attacchi con granate e coltelli in centri commerciali e caffe', culminando con la mia detonazione con una cintura esplosiva fra gli infedeli".

Il primo ministro Tony Abbott ha descritto la vicenda di Bilardi come "una situazione assolutamente orribile". "È importantissimo fare tutto il possibile per salvaguardare i nostri giovani dalle tentazioni di un'ideologia scioccante, aliena ed estrema", ha detto. "Il governo chiederà alle compagnie di social media come Facebook a Twitter di fare di più per rimuovere la propaganda dell'Isis e impedire che raggiunga giovani australiani impressionabili e a rischi di radicalizzazione", ha aggiunto. (ANSA).

© Riproduzione Riservata

Commenti