Cronaca

Donna uccisa nel bresciano, fermato il marito

Un uomo lo ha riconosciuto mentre camminava in città, dopo 30 ore finisce la fuga di Alessandro Musini, sospettato di aver ucciso la moglie Angela Mura

bresciano

I rilievi all'esterno dell'abitazione di Angela Mura, la donna di 54 anni ritrovata morta in casa da suo figlio di 13 anni a Castenedolo (BS) - 16 marzo 2015 – Credits: ANSA/ FABRIZIO CATTINA

Nel pomeriggio di oggi è arrivata una telefonata al numero dei carabinieri, dall'altro capo del telefono un uomo che si trovava nel centro di Brescia e diceva di aver appena incrociato Alessandro Musini, in fuga da circa 30 ore e sospettato di essere l'assassino di Angela Mura, la donna di 54 anni trovata morta con il cranio fracassato nella sua abitazione a Castenedolo, in provincia di Brescia.

Musini è stato fermato immediatamente e ora si trova all'interno della caserma sottoposto agli interrogatori degli uomini del reparto operativo e della compagnia dei Carabinieri di Brescia. Confermata dunque l'ipotesi che l'uomo non si fosse mai allontanato da Brescia. Gli inquirenti lo hanno cercato per tutta la giornata di ieri, anche con elicotteri che hanno sorvolato soprattutto le zone di campagna alla ricerca della sua auto, una Opel Astra di colore girgio. Segno che nessuna ipotesi veniva esclusa, neppure quella che Masini potesse essersi tolto la vita.

Gli inquirenti avevano controllato stazioni ferroviarie, porti e aeroporti. Non era emerso nulla. Gli altri riscontri portavano a pensare che l’uomo fosse rimasto in zona. Le ipotesi erano due. O aveva compiuto un gesto estremo, oppure aveva trovato riparo da parenti, amici e conoscenti, in ogni caso nella comunità dei sardi che vivono nel bresciano.

Angela Mura era di origine sarda. La donna aveva perso il primo marito durante un incidente stradale in moto. Da lui aveva avuto una figlia che vive in Sardegna e un figlio di vent’anni che sta nel bresciano. Poi si era risposata con Alessandro Musini, con qualche piccolo precedente penale alle spalle, dal quale aveva avuto un terzo figlio, che ha 15 anni e che ha trovato la mamma in camera da letto in una pozza di sangue. Il ragazzo aveva raccontato ai compagni di classe che papà e mamma erano sul punto di separarsi e che proprio lunedì la donna avrebbe dovuto vedere un avvocato.

© Riproduzione Riservata

Commenti