Musica

Arena di Verona, opera e classica: gli eventi da non perdere quest'estate

Aida, Turandot, Carmen, Placido Domingo, Roberto Bolle e molto altro... 

Placido Domingo – Credits: Getty Images

L'Arena di Verona, giunta  ai 101 anni di esistenza e fregiata della denominazione di Festival del Nuovo Secolo, è una meta imprescindibile per gli appassionati di opera di tutti i continenti. Il cartellone 2014 è non solo ricco, ma anche ben articolato e in grado di soddisfare i molteplici gusti degli spettatori (info e biglietti ).

L'Aida di Verdi, cavallo di battaglia dell'Arena, è presente in due diverse edizioni: quella classica del 1913 (7 recite dal 10 agosto al 7 settembre) oggi diretta da Gianfranco De Bosio e quella controversa (10 recite dal 28 giugno al 3 agosto) dei catalani della Fura dels Baus . Nella prima dove si alternano sul podio Daniele Rustioni e Fabio Mastrangelo, spiccano l'Aida di Amarilla Nizzi, una delle nostre più sensibili interpreti e l'Amneris di una veterana del temperamento e della voce di Giovanna Casolla, ma accanto a loro  non mancano cantanti  promettenti come le soprano Monica Zanettin e Susanna Branchini  e la mezzosoprano Anita Rachvelishvili.

Nel ruolo di Radames si alterneranno Marco Berti , Stuart Neill e Fabio Sartori, mentre in quello di Amonastro Marco Vratogna e Alberto Mastromarino.  Nella seconda edizione , che vede sul podio l'esperto Julian Kovatchev, Aida è Hui He, una delle soprano più talentuose , che nelle repliche sarà sostituita dalla stessa Amarilla Nizzi e da Maria Josè Siri . Amneris di grande rilievo per talento  vocale e scenico è Violeta Urmana . Tutti italiani i quattro Radames : Fabio Sartori, Walter Fraccaro, Carlo Ventre e Marco Berti. Fra i quattro Amonasro spicca  la voce possente di Ambrogio Maestri, baritono di grande livello anche quando lascia il ruolo prediletto di Falstaff.

Un'altra opera molto amata in Arena è la Carmen di Bizet (11 recite dal 21 giugno al 3 settembre) che si avvale della splendida regia di Franco Zeffirelli. Sul podio Henrik Nanasi e ancora Julian Kovatchev, Carmen sarà impersonata dalla temperamentosa Ekaterina Semenchuk , sostituita nelle repliche da Anita Rachvelishvili e da Ildiko Komlosi. Un Don Josè di grande esperienza e di bella voce è Mario Malagnini, mentre Escamillo sarà l'eccellente baritono Carlos Alvarez. Irina Lungu sarà la prima Micaela.

La Turandot di Puccini (7 recite dal 5 luglio al 2 agosto), regia di  Franco Zeffirelli, avrà come coinvolgente direttore Daniel Oren e come interpreti, nell'impervia tessitura di Turandot, Iréne Theorin, Tiziana Caruso e Martina Serafin. Squillanti Calaf saranno Carlo Ventre e Marco Berti, mentre Liù sarà interpretata da tre soprani di grande sensibilità: Maria Agresta, Rachele Stanisci e Carmen Giannattasio.

Opera affascinante, ma meno presente delle altre in Arena è Un ballo in maschera (7 recite dal 20 giugno all’8 agosto), regista scenografo e costumista Pier Luigi Pizzi , direttore Andrea Battistini. Cast di grande livello con Francesco Meli, Luca Salsi, Hui He, Elisabetta Fiorillo e Sonia Gamberoni. Madama Butterfly, terza regia di Franco Zeffirelli, diretta da  Marco Armiliato, propone  la Cio-cio-san popolare di Amarilli Nizza e quella da scoprire di Oksana Dyka (6 recite dal 15 agosto al 5 settembre) .

I due Pinkerton sono Roberto Aronica e Giorgio Berrugi, mentre nel ruolo del console Sharpless si alterneranno Gabriele Viviani e Davit Babayants. Ultima opera, ormai appuntamento stabile nella città di Romeo e Giulietta , è Roméo et Juliette di Gounod( 3 recite) , direttore  Carlo Montanaro, regia di Francesco Micheli, protagonisti Lana Kos e Vittorio Grigolo. Per chi avrà ancora fame di buona musica, segnaliamo Placido Domingo canta Verdi (17 luglio) e Carmina Burana di Orff (9 agosto), mentre per gli amanti della danza l'appuntamento è il 22 luglio con Roberto Bolle  & Friends.      

© Riproduzione Riservata

Commenti