Musica

Apple, iTunes scommette sugli artisti italiani emergenti

On line una nuova sezione del popolare negozio digitale con una selezione di promesse della musica nostrana

L'artista hip-hop Anagogia – Credits: Apple press office

Si dice che ai talenti, per emergere, serva soltanto un’occasione. Al netto degli imprevedibili colpi di fortuna, nel campo della musica è fondamentale finire sotto i riflettori giusti. Come quelli del popolare negozio digitale iTunes, che ha appena inaugurato la sezione «Nuovi artisti 2014 ». Ben visibile tra i pannelli che scorrono in home page nella parte superiore, è una vetrina digitale che la Apple ha messo a disposizione di otto promesse su cui ha deciso di scommettere.

«Abbiamo scelto alcuni dei nuovi artisti che non vediamo l’ora di ascoltare nel 2014. Molti di loro raggiungeranno sicuramente un grande successo, altri diventeranno veri e propri eroi di culto» si legge nella presentazione, tutt’altro che scarica di entusiasmo.

La scelta cerca chiaramente di intercettare i gusti di un pubblico il più possibile trasversale: c’è Anagogia (immagine in apertura), artista hip-hop appena ventenne che propone testi d’impatto, anche divertenti, con un retrogusto amaro. Come «Panic Room», un inno sui generis in rima, a mantenere, nonostante tutto, la calma; per chi preferisce ritmi più pop c’è Emanuele Corvaglia, visto al reality Amici, molto apprezzato dal pubblico e anche sui social network; melodie più classiche per la cantante calabrese Ylenia Lucisano (il singolo «Quando non c’eri» entra in testa al primo ascolto), mentre la siciliana Claudia Lagona è la voce della band torinese Levante.

La$ignora è un duo di ragazze scoperto da Caterina Caselli: «Essere selezionate da iTunes fra gli artisti emergenti da tenere d’occhio è quello che si dice un inizio di 2014 col botto!» spiegano in coro. «Ci aspetta un anno insieme tutto da ballare. Siete pronti?». Ancora, ecco Parix, che mescola i generi, unendo rock, rap e metal; Ada Reina, che gioca con la dance e suggestioni latino-americane; Moya, "intrusa" inglese, che ha un timbro niente male e un repertorio di facile ascolto con venature soul. «Finora ho ricevuto una grande accoglienza in Italia» racconta. «Non vedo l’ora di farvi ascoltare il nuovo album che uscirà all’inizio di quest’anno».

La scelta degli artisti, chiariscono dalla Apple, è avvenuta basandosi su parametri puramente editoriali (insomma, senza logiche commerciali) ed è stata curata da una squadra di appassionati ed esperti di musica. Che hanno dato a questi ragazzi una bella possibilità. Il buono delle praterie di internet, d’altronde, è che si ha spazio per andare oltre i confini ristretti dell’usato sicuro o delle hit ammiccanti da alta classifica e rastrella-download.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti