Panorama 19
Magazine

Lo scandalo della patrimoniale nascosta

Nel 2015 lo Stato ha prelevato dai depositi degli italiani oltre 4 miliardi di euro. E tra poco potrebbe arrivare anche una stangata sulle successioni

Occhio ai risparmi (e alle tasse in arrivo)
Tempi duri per i risparmiatori italiani: non solo i tassi d’interesse sono ai minimi e la Borsa è molto volatile, ma il prelievo fiscale sui risparmi continua a salire. Per questo Panorama dedica al tema risparmio la copertina del numero in edicola da giovedì 5 maggio. Secondo uno studio esclusivo del centro studi Impresa&Lavoro, nel 2015 il gettito derivante dalle imposte sulle rendite finanziarie ha raggiunto quota 15,1 miliardi, contro i 14,9 del 2014: una fetta importante (4,1 miliardi) arriva dall'imposta di bollo sui depositi e sugli altri strumenti finanziari: una vera patrimoniale nascosta.Ma gli studiosi di Impresa&Lavoro sottolineano che il gettito della tassazione sui risparmi è inferiore alle previsioni del governo e questo potrebbe aprire la strada a nuovi inasprimenti fiscali, magari verso le imposte di successione.

Se anche la Svizzera alza un muro
Il muro al Brennero. Il valico di Ventimiglia bloccato. Il prossimo blocco? La Svizzera, probabilmente. Panorama è andato a vedere come il canton Ticino si sta preparando ad affrontare i nuovi flussi dei disperati in arrivo dall’Italia. Con l’esercito, se serve. Perché, anche nel paradiso d’Europa, cresce la paura.

"Io, che parlo con gli orchi di Napoli e dintorni" 
"Prevale l’idea che abusare di un bimbo non sia poi tanto grave". "Le condanne in media sono sui a 2 anni: la legge va cambiata". "Il degrado non accresce il fenomeno: il dramma è trasversale". Su Panorama in edicola parla Antonella Bozzotra, a capo degli psicologi della Campania. Che per professione (e per ordine dei tribunali) deve entrare nel cervello dei violentatori. Come quelli di Caivano, il cosiddetto "parco degli orchi" dove nel giugno 2014 è morta Fortuna Loffredo, violentata e poi gettata dall’ottavo piano.

Tutti i nemici di Raffaele Cantone
Sei mesi fa aveva dichiarato che "le correnti sono il cancro della magistratura". Da allora Raffaele Cantone ha ricevuto una quantità di critiche sferzanti, battute ironiche, apprezzamenti malevoli da parte dei suoi ex colleghi. L’ultimo è stato quello di Piercamillo Davigo, nuovo presidente dell’Associazione nazionalemagistrati. Ma questo accade anche per il suo ruolo: il presidente dell’Anticorruzione spiega a Panorama che l’isolamento è probabilmente frutto di quella nomina: "Ho violato il mito della purezza" dice a Panorama. "Un po’ come aveva fatto Giovanni Falcone andando al ministero della Giustizia"

© Riproduzione Riservata

Commenti