A Milano, dal 15 maggio al 5 giugno presso My-Loft Gallery, via Ariberto 31, si possono ammirare le splendide immagini di Stefano Guindani scattate ad Haiti, durante la cerimonia di Sodò, il rito cattolico vudù di Saut d'Eau. Un'occasione per scoprire, o riscoprire, una terra di nuovo dimenticata dalle cronache internazionali dopo il terremoto di tre anni fa, e che in pochi conoscono davvero. Stefano Guindani è uno di questi.

Grazie alla collaborazione con la Fondazione Francesca Rava, infatti, il noto fotografo milanese è stato diverse volte sull’isola a documentare non solo le attività realizzate grazie al lavoro e agli sforzi della Onlus, ma anche la cultura e la gente di quest'isola tanto bella quanto sfortunata. Una serie di scatti che raccontano, tra fede e devozione, l’identità culturale di una popolazione che, piegata da crisi politiche e catastrofi naturali, mostra ancora la forza per reagire ad un destino scontato di degrado ed emarginazione. È questa vitalità che si coglie nelle immagini di Guindani, dove l’acqua si vaporizza nell’ambiente e l’atmosfera spirituale diventa palpabile, i sensi amplificati.

© Riproduzione Riservata

Commenti