A lezione di startup

Si può davvero insegnare a fare startup? Io non credo. Non si può spiegare tramite slides da dove partire, come operare, dove non sbagliare e perché. Si può invece portare la propria esperienza, con un obiettivo: far uscire dall’aula …Leggi tutto

lez1.jpg

Lezione di startup

Si può davvero insegnare a fare startup? Io non credo. Non si può spiegare tramite slides da dove partire, come operare, dove non sbagliare e perché.

Si può invece portare la propria esperienza, con un obiettivo: far uscire dall’aula i ragazzi che sono seduti di fronte a te con la voglia di fare la tua stessa cosa, con quella sensazione di pugno allo stomaco che ti fa pensare “ora ho capito cosa cavolo voglio fare della mia vita, ora ho capito che è possibile, che è realtà, che non succede solo dall’altra parte del mondo”.

Oggi ho avuto la grandiosa opportunità di fare un’ora di “lezione” ad una classe di specialistica della Cattolica e ammetto che la cosa mi ha fatto davvero strano. Sì, perché fino a novembre scorso c’ero io da quella parte del banco ad ascoltare gli ospiti e le loro esperienze, a fare domande, a prendere appunti.

La presentazione è stata piuttosto lunga, per la paura di non avere domande dopo… gravissimo errore!! Le domande sono state talmente tante che il tempo non è bastato!

Appassionati, curiosi, vivaci e con idee imprenditoriali che scalpitano per essere realizzate. Stupendo. Mi avete ricordato un sacco com’ero io, solo qualche mese fa.

© Riproduzione Riservata

Commenti