Bancomat-Mps
Soldi

Salvataggio Mps, cosa accade a bond e azioni

Varata la ricapitalizzazione della banca toscana. Tutelati i piccoli risparmiatori in possesso di obbligazioni (ordinarie e subordinate)

Un’operazione da 8,1 miliardi di euro, di cui oltre 5 miliardi verranno messi dallo Stato e altri 3 miliardi circa ricadranno invece sulle spalle degli azionisti e degli obbligazionisti. Ecco, in sintesi, i numeri del salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la più antica banca del mondo che da anni è in piena crisi. Per rimettersi in sesto, l’istituto toscano beneficerà di un aumento di capitale finanziato con soldi  pubblici (lo Stato diventerà azionista al 70%).


Per ricapitalizzare la banca, però, verrà chiesto un sacrificio anche a chi ne possiede i titoli azionari e obbligazionari subordinati, il cui valore verrà completamente azzerato. In questa operazione, sono previsti dal governo dei meccanismi di tutela per i piccoli risparmiatori, in gran parte clienti di Mps che rischiavano di rimanere con un pugno di mosche in mano. Ecco, di  seguito una panoramica su come si articola l’operazione.

Azioni

Di sicuro gli azionisti rappresentano la categoria di risparmiatori più penalizzata nel salvataggio di Mps. E’ vero che la banca toscana verrà salvata con i soldi dello Stato ma, prima di questa operazione, le regole europee impongono di far scattare il burden sharing. Si tratta dell’azzeramento totale del valore delle azioni. Va detto, però, che negli ultimi 3 anni il titolo Mps si è già deprezzato in borsa di oltre il 99% a causa del dissesto della banca.

Obbligazioni ordinarie (senior) e conti correnti

I  titolari delle obbligazioni ordinarie (o senior) si trovano in una situazione diametralmente opposta rispetto agli azionisti. I loro titoli non verranno assolutamente toccati dal processo di ristrutturazione e verranno rimborsati regolarmente alla scadenza. Nessun problema neppure per chi ha aperto un conto corrente al Monte dei Paschi. I soldi in giacenza sono al sicuro.


Obbligazioni subordinate (o junior)

In una situazione intermedia si troveranno invece i titolari di obbligazioni Mps subordinate, una particolare categoria di bond che dà a chi li possiede minori tutele rispetto agli altri creditori, in caso di dissesto della banca. Nel salvataggio del Monte dei Paschi è previsto che le obbligazioni subordinate vengano convertite in azioni dell’istituto, il cui valore è azzerato. E’ stato architettato però un sistema per salvaguardare i risparmiatori privati, penalizzando gli investitori istituzionali (nel paragrafo seguente la spiegazione di come verranno tutelati i piccoli obbligazionisti).


L’offerta di scambio

Entro 60 giorni dalla conversione in azioni dei bond subordinati, i piccoli risparmiatori che possiedono i titoli riceveranno dalla banca un’offerta di scambio (finanziata coi soldi dello Stato per  circa 1,3 miliardi di euro). In pratica, dopo aver trasformato i loro bond subordinati in azioni, i risparmiatori potranno fare un percorso inverso: riconvertire i loro titoli azionari in obbligazioni della banca, per un valore pari alla somma di denaro investita inizialmente. I nuovi bond assegnati ai risparmiatori saranno però obbligazioni ordinarie (e non più subordinate), cioè titoli meno rischiosi che garantiscono alla scadenza la restituzione del 100% del capitale versato.


I titoli coinvolti

Saranno coinvolti in questa operazione  soltanto i risparmiatori i bond subordinati che hanno il codice isin IT0004352586. Si tratta di obbligazioni subordinate con scadenza nel 2018 che sono state emesse nel 2008 da Mps per finanziare l'acquisizione di Banca Antonveneta . Tutti i piccoli risparmiatori che hanno questi bond nel portafoglio saranno dunque indennizzati, anche se dovranno attendere almeno un paio di mesi.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Mps, cosa rischia chi ha i bond

Circa 40mila possessori di obbligazioni della banca potrebbero perdere tutto il capitale. A meno che non dimostrino di essere stati “raggirati”

"Ubi Banca voleva comprare anche Mps"

Nell'inchiesta della Procura di Bergamo due testi rivelano che il consigliere dell'istituto, Victor Massiah, ha proposto l'acquisto della banca senese

Mps, quanto costerà il salvataggio

Per salvare il Monte dei Paschi di Siena il governo dovrà mettere sul piatto 6,6 miliardi di euro. Altri 2,2 miliardi verranno dai privati

Commenti