toyota
Aziende

Toyota richiama 6,5 milioni di auto a rischio incendio: i modelli interessati

Un difetto al sistema di apertura automatica del finestrino lato conducente alla base della maxi-operazione

Premessa fondamentale: si tratta di una decisione precauzionale, senza che sia ancora occorso alcun incidente (se non quello di un uomo che negli Usa ha riportato bruciature a una mano) per il difetto riscontrato. Ma è indubbio che il marchio Toyota, simbolo della perfezione automobilistica giapponese, non esce bene dall'annuncio di aver disposto il richiamo di 6,5 milioni di auto in tutto il mondo per un difetto al sistema di apertura automatica del finestrino lato conducente che potrebbe addirittura innescare un incendio dell'abitacolo per il surriscaldamento di alcuni componenti.

I modelli "a rischio"
Dei veicoli richiamati, circa 1,2 milioni sono in circolazione in Europa, 2,7 milioni in Nord-America e circa 600 mila in Giappone. Tra i modelli coinvolti ci sono Corolla, Yaris, Camry, Rav 4, Highlander e Auris. Nel caso di quelli prodotti fuori dal Giappone, si tratta di veicoli fabbricati tra agosto 2005 e agosto 2006, e fra gennaio 2009 e dicembre 2010, con il difetto che consisterebbe in una insufficiente applicazione di un lubrificante che protegge le componenti interne dal calore.

Toyota ha spiegato che, una volta richiamate le auto "a rischio", le concessionarie controlleranno i pannelli di controllo e applicheranno nuovamente il lubrificante per proteggere il sistema con un'operazione che richiede circa 45 minuti di tempo. Dopo di che, se il pannello continuerà a funzionare in modo inadeguato, si procederà a sostituire un circuito interno con un lavoro che richiederà altri 45 minuti di tempo ai meccanici.

Già un problema nel 2012
Giusto tre anni fa, nell'ottobre 2012, Toyota annunciò il maxi-richiamo di altri 7,43 milioni di auto nel mondo a causa di difetti all'impianto elettrico dei finestrini con sempre possibili rischi d'incendio. L'iniziativa, decisa su base volontaria e relativa a 204.115 veicoli nel nostro Paese, interessava i modelli Auris, Corolla, RAV4 e Yaris prodotti tra settembre 2006 e dicembre 2008. In precedenza, la casa giapponese aveva già richiamato oltre 10 milioni di veicoli per problemi ai freni o al software dell'impianto frenante.

© Riproduzione Riservata

Commenti