Mps-filiale
Aziende

Lo Stato in Mps, cosa aspettarsi adesso

Il governo salverà il Monte dei Paschi di Siena con soldi pubblici. Tutte le incognite per chi ha le obbligazioni della banca

La strada è ormai tracciata. Il Monte dei Paschi di Siena (Mps), il cui aumento di capitale non ha raggiunto i risultati sperati, si salverà solo grazie ai soldi del governo Gentiloni. L'esecutivo“pagherà” infatti una ricapitalizzazione precauzionale della banca, pur rispettando le ferree regole europee che impediscono di far ricadere sulle tasche dei contribuenti tutti i costi del salvataggio di qualsiasi istituto di credito. Dall'inizio del 2016, infatti, è entrata in vigore la direttiva europea Brrd (Bank Recovery and Resolution Directive) che impedisce di sostenere con soldi pubblici i salvataggi delle banche e impone di far pagare la maggior parte dei costi agli azionisti e a una parte degli obbligazionisti.


Mps, perché ha di nuovo bisogno di soldi pubblici


Tuttavia, se il crack di una banca può compromettere la stabilità di un paese, la direttiva europea permette ancora l'intervento dello stato, benché soltanto in via straordinaria e precauzionale. E' proprio questa la fattispecie della crisi di Mps, dato che il governo italiano non si può certo permettere di mandare a rotoli la banca più antica del Paese, la quarta  per dimensioni. Nello specifico, la possibilità ricapitalizzare un istituto di credito con soldi pubblici è ancora prevista dall'articolo 32 della Direttiva Brrd. Secondo quanto trapela finora, però, l'intervento del governo richiederà un po' di tempo, probabilmente due o tre mesi, prima di dispiegare i propri effetti.


Il burden sharing

Innanzitutto, il Tesoro metterà alcune garanzie su prestiti e bond Mps di prossima scadenza, consentendo all'istituto toscano di respirare un po' e di avere un serbatoio di liquidità che gli consentirà di rimandare di qualche mese l'aumento di capitale. Nel frattempo, verrà predisposto anche un nuovo piano industriale della banca, per aggiornare quello già presentato nella scorse settimane. Infine si arriverà alla ricapitalizzazione vera e propria sostenuta dallo Stato e alla contestuale vendita sul mercato dei crediti sofferenti dell'istituto (non performing loan-npl) che valgono nel complesso più di 27 miliardi di euro.


La parte più delicata per i risparmiatori sarà proprio l'aumento di capitale. In caso di intervento dello Stato, le regole europee prevedono infatti che scatti automaticamente il cosiddetto burden sharing, che consiste nell'azzeramento automatico del valore delle azioni di Mps e la conversione in titoli azionari delle sue obbligazioni subordinate, una categoria di bond particolarmente rischiosi che godono di poche garanzie in caso di fallimento della società che li ha emessi.


Scudo salva-banche, le cose da sapere


Tra i possessori dei bond subordinati, ci sono anche 40mila risparmiatori privati che acquistarono questi titoli nel 2008, per un valore complessivo di 2,19 miliardi di euro. Il decreto del governo approvato ieri prevede che tutti i piccoli investitori incappati nella crisi di Mps saranno tutelati, con il rimborso del capitale investito. Bisognerà però vedere nei dettagli come l'esecutivo intenderà proteggere i risparmiatori. Il tempo dirà se le promesse saranno rispattate al 100%.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Mps, cosa rischiano i clienti

Correntisti, obbligazionisti e azionisti. Ecco le conseguenze per i risparmiatori nel caso in cui il salvataggio del Monte dei Paschi dovesse naufragare

Commenti