Libri

Papà Radetzky: una biografia racconta il volto umano del generale asburgico

Le Lettere ripubblica il profilo scritto da Alessandro Luzio e dedicato al governatore del Lombardo Veneto che sconfisse l’esercito piemontese nel 1849. Rivalutandone le gesta

Il generale Radetzky

Altro che boia impiccatore, diavolo, o peggio mangiabambini assetato di sangue. Piuttosto, un gran soldato e un galantuomo, amante di Milano, sebbene fedele a Vienna. Nella mitologia risorgimentale, Johann Wenzel Radetzky, generale austriaco agli ordini degli Asburgo, è entrato nel novero dei peggiori seviziatori del popolo italiano. In modo forse inevitabile, visto che il suo nome, alle nostre latitudini, è legato alle vittorie contro l’esercito piemontese nel biennio 1848-49.

La sua figura, da qualche anno, sembra aver però ritrovato un certo smalto, finendo con l’essere rivalutata radicalmente.

Nel 2008, un curioso libretto di Giorgio Ferrari aveva rinverdito una tradizione a dire il vero non così isolata, rileggendo in chiave revisionista l’operato del generale.

C’era già infatti chi aveva provato a difendere le sue ragioni (e la sua reputazione). Come ricorda lo storico Francesco Perfetti, anni prima Indro Montanelli nelle sue incursioni storiche ne aveva riconosciuto le doti. Il fondatore del Giornale non era stato il primo. Un altro storico, per passione e non di formazione, a inizio del secolo scorso (e quindi con una dote di coraggio maggiore) aveva provato a togliere al generale il calco dei cattivi.

L’archivista e accademico d’Italia si chiamava Alessandro Luzio e, per quanto non avesse ultimato i suoi studi, era uno storico di un certo livello tanto da trovare posto in un libro bellissimo (e inspiegabilmente non più in catalogo), Interpretazioni del Risorgimento di Walter Maturi.

Maturi presentava Luzio come uno studioso di razza, dinanzi al quale “si sono inchinati perfino i più acri dei suoi avversari politici”-

E a rileggere adesso il libretto che Le Lettere ha ripubblicato nella collana Il salotto di Clio, diretta da Perfetti stesso, è francamente difficile dargli torto.

Papà Radetzky è un profilo smilzo e controcorrente del generale austriaco, scritto con sagacia giornalistica e documentazione storica. Svela un personaggio assai diverso da quello raccontato nei libri di storia.

Deciso, volitivo e a volte spietato, certo; ma anche con un notevole spessore etico, che lo spinge persino a soffrire e dubitare: “Le condanne e le punizioni incessanti, che mi sono state delegate come un dovere, mi opprimono – scriveva - e tuttavia non mi rimane altro che vegliare e tenermi pronto”. E già queste poche righe restituiscono un racconto davvero diverso rispetto al cliché ossificatosi nell’ultimo secolo e mezzo.

© Riproduzione Riservata

Commenti