Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Libri

Ludwig Wittgenstein, il pensiero coraggioso di un filosofo solitario

Attraverso un'ampia scelta della sua corrispondenza, un libro offre un vivido ritratto di una delle figure più fascinose del pensiero del Novecento

di Alessandra Iadicicco

Schivo, sfuggente, solitario e (ma solo per impazienza) scontroso, Ludwig Wittgenstein trasse nondimeno dallo scambio con gli altri l’ispirazione per le sue ricerche, la motivazione a proseguirle, l’urgenza di svilupparle e scioglierle dall’originaria enigmatica sinteticità. Le conversazioni intrattenute a distanza e per iscritto con i suoi maestri, i discepoli, gli allievi e gli amici furono per il filosofo austriaco "uno sport vigoroso" scrisse, che aveva "un che di erotico e cavalleresco", il miglior addestramento "a un certo coraggio di pensiero". Così attraverso le lettere, inviate per lo più da Cambridge – la città dove aveva studiato e dove insegnò, dove ritornò a più riprese: dopo la finis Austriae per la quale aveva combattuto da volontario dell’esercito asburgico nella Prima guerra, dopo l’Anschluss al Reich nazista che avviò la Seconda, dopo i vari soggiorni da eremita in Norvegia, Islanda, sulle lande sperdute dell’Inghilterra – emerge il più autentico ritratto intellettuale, professionale e personale di una delle figure più fascinose del pensiero del Novecento.

Lettere 1911-1951 di Ludwig Wittgenstein
Adelphi, 602 pagine, 50 euro

Leggi Panorama online

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>