Arte & Idee

Cardi Gallery apre una sede a Londra

Si dedicherà all'arte italiana anni Sessanta, al Gruppo Zero tedesco e al Minimalismo americano

La Cardi Black Box – Credits: Timothy A. Clary/AFP/Getty Images

L'arte italiana anni Sessanta, il Gruppo Zero tedesco e il Minimalismo americano sono le tre anime pulsanti della Cardi Gallery, galleria che apre i battenti a Londra, nella prestigiosa zona londinese di Mayfair, nel centro della City. 

Nata dalla fusione della storica Galleria Cardi (attiva dal 1972) e della Cardi Black Box (2009), dopo la sede di Corso di Porta Nuova 38 di Milano e uno spazio espositivo a Pietrasanta, raddoppia il suo impegno nell'arte moderna e contemporanea.

La Cardi Gallery, che tra i soci vede Barbara Berlusconi, ha chiuso il proprio bilancio 2013 in sostanziale pareggio, con un fatturato di 22 milioni di dollari nonostante la congiuntura economica sfavorevole.

"Siamo molto felici di questo raggiungimento frutto di grandi sforzi da parte dei soci e di tutto lo staff di lavoro", ha detto Nicolo Cardi, amministratore delegato della società. "Aprire a Londra con un progetto solido e serio è una necessità, a cui seguiranno altri investimenti di internazionalizzazione a breve. Da italiani siamo orgogliosi di rappresentare, e difendere sul mercato, l'arte italiana anni '60 e '70 che è stata, ed è ancora tutt'oggi, grande fonte d'ispirazione per giovani talenti".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Non cercate la Gioconda sotto terra

A Firenze si scava (con soldi pubblici) per riesumare le ossa della monna Lisa e verificare che sia la modella del dipinto. Spesa folle e inutile.

A Prato l’arte cancella le ombre cinesi

La città toscana non è solo la Chinatown d’Italia. Oggi punta tutto sulla cultura con nuovi, grandi musei d’eccellenza. E con i "segni neri" di Emilio Isgrò

Commenti